Politica / Politica

Commenta Stampa

Il pm Boccassini ha chiesto sei anni di reclusione

Boccassini, Berlusconi: "Falsità ispirate dall'odio"

Berlusconi : “Per Ruby solo sentimenti di compassione”

Boccassini, Berlusconi: 'Falsità ispirate dall'odio'
13/05/2013, 16:53

MILANO – Le parole di reazione di Berlusconi sull'inquisitoria di oggi del giudice Boccassini: "Non mi è stato possibile ascoltare la requisitoria. Ho letto le agenzie. Che devo dire? Teoremi, illazioni, forzature, falsità ispirate dal pregiudizio e dall'odio, tutto contro l'evidenza, al di là dell'immaginabile e del ridicolo. Ma tutto è consentito sotto lo scudo di una toga. Povera Italia!"


MILANO –“ Prima di entrare nel merito delle imputazioni ascritte a Berlusconi, volevo ripetere l'importanza della tutela del minore al punto che sono intervenute due leggi importanti, una nel febbraio 2006, la numero 38, e l'altra nel marzo del 2008, volute dal governo Berlusconi". Questo è quanto ha affermato il procuratore aggiunto Ilda Boccassini in riferimento a Silvio Berlusconi, finito imputato al processo Ruby.
A conclusione della requisitoria, sarà fatta richiesta di condanna del Cavaliere per l’accusa per concussione e prostituzione minorile.
La Boccassini afferma: “ Non abbiamo dubbi che Ruby si prostituisse” – e ha proseguito - "Possiamo credere che una persona che ha dedicato la sua vita e il suo credo a Berlusconi come Emilio Fede, non gli abbia detto che Ruby era minorenne?".
Intanto, le reti Mediaset hanno trasmesso lo speciale La guerra dei vent'anni: Ruby, ultimo atto”, per difendere la tesi di un complotto contro il Cavaliere.
“Era una ragazza che si era presentata come portatrice di una storia terribile, non induceva nessun sentimento diverso dalla commiserazione", queste le parole del leader del Pdl in difesa alle accuse che hanno dato il via al processo “Ruby”.
“Sembrava avesse 22 o 23 anni, tuttavia aveva detto a tutti che ne aveva 24”, una menzogna detta per poter andare via dalle comunità in cui era affidata.
La tesi, portata avanti sia da Berlusconi sia da Ruby, tuttavia non trova conferma rispetto alle accuse avanzate dalla Boccassini: “La ragazze che partecipavano alle feste ad Arcore facevano parte di un sistema prostitutivo per il soddisfacimento dell'ex premier”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©