Politica / Parlamento

Commenta Stampa

A "Che tempo che fa": "Ho sofferto molto"

Bocchino ammette la storia con la Carfagna e chiede scusa

La moglie: "Sapevo da 2 anni"

Bocchino ammette la storia con la Carfagna e chiede scusa
28/03/2011, 17:03

ROMA – Chiede scusa per gli errori commessi Italo Bocchino, balzato agli onori della cronaca non per la sua attività politica ma per il (presunto) tradimento ai danni della moglie Raffaella Bontempo con Mara Carfagna. Il vicepresidente di Fli ha approfittato del salotto di Fabio Fazio, “Che tempo che fa”, per spiegare le sua verità. Ossia, che quantomeno si tratti di un complotto ordito da “qualcuno” per infangarlo: "Quando siamo andati a uno scontro cosi' coraggioso contro una macchina da guerra a livello di mezzi a disposizione di Berlusconi, sapevamo che sarebbe stato un periodo molto duro e che saremmo stati duramente attaccati"- ha aggiunto - "Non mi aspettavo però che si arrivasse a far leva sugli affetti per cercare di creare problemi. Per questo ho sofferto molto. Devo anche dire che,  a prescindere dal merito che riguarda il privato di alcune persone, nel momento in cui l'ho letta non ho potuto non tener conto che c'era un elemento di forte sofferenza per mia moglie. Quindi se mia moglie soffre, io come marito e come padre ho il dovere di capire perché soffre e se ho sbagliato ho il dovere di chiedere scusa. Quindi l'unica cosa che posso fare e' cogliere l'occasione per chiedere scusa per gli errori che ho commesso".  
Una ammissione di colpa, dunque, seppure parziale e molto velata. La moglie di Bocchino aveva rilasciato una discussa intervista al settimanale “Vanity Fair”, nella quale spiegava di sapere della liason tra il marito e il Ministro da almeno 2 anni. Perché si era decisa a parlare soltanto dopo tanto tempo? Semplicemente, per non passare per un’oca giuliva, che sa ma tace. A farla “cantare” era stato, anche se involontariamente, Roberto D’Agostino: “Sai che gira voce di foto di tuo marito con la Carfagna, foto un po' intime?',  aveva detto alla Bontempo. E lei: “Se ci sono, pubblicale. Tanto non è che non lo so che lui ha questa relazione. Lo so da più di due anni”. La Buontempo aveva anche definito Mara Carfagna “telecomandata» dal marito”: i voti in Campaniali avrebbe presi solo grazie a lui.
Insomma, l’ennesimo caso di “reality” politico che investe la nostra classe dirigente. Appuntamento alla prossima puntata.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©