Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il premier gli telefona: "Non sputtanare il Pdl in TV"

Bocchino: "Berlusconi mi ha epurato"


Bocchino: 'Berlusconi mi ha epurato'
29/04/2010, 12:04

ROMA - Sembrava essersi conclusa la vicenda riguardante Italo Bocchino, ormai ex vicecapogruppo del Pdl alla Camera, con la consegna della sua lettera di dimissioni. Gesto considerato distensivo della nuova tregua - se non pace - raggiunta tra Fini e Berlusconi. Ma il contenuto della lettera è invece di fuoco. "Berlusconi ha chiesto la mia testa. Non esiste un solo partito democratico dove possa accadere ciò che è accaduto oggi", scrive nelòla lettera. E poi, parlando con i giornalisti aggiunge: "Berlusconi è ossessionato da me. E' da almeno un anno che chiede a Fabrizio Cicchitto la mia testa, perchè ritiene che non possa esserci uno non allineato.  Berlusconi mi ha pure chiamato per dirmi di non andare in televisione. Che un leader chiami un dirigente per dirgli questo, è una cosa che non esiste al mondo".
In realtà, secondo retroscena, Berlusconi non si è limitato a dirgli di non andare in televisione. Pare che l'avrebbe redarguito con veemenza, diendo: "Non devi mai più sputtanare il Pdl in televisione", con evidente riferimento allo scontro in TV che Bocchino ebbe con Maurizio Lupi e col sottosegretario Daniela Santanchè durante la trasmissione "L'ultima parola" di due settimane fa.  La cosa è stata parzialmente confermata dallo stesso Berlusconi, che però ne dà una versione leggermente diversa: "Con me, devo dire, e' stato anche un po' insolente. Gli ho detto che non si puo' andare in tv a fare sceneggiate coinvolgendo il partito. Tutti nel Pdl devono capire che non si puo' sputtanare il partito".
Adesso resta da vedere chi sarà il nuovo vicecapogruppo del Pdl. I finiani chiedono che non sia una scelta calata dall'alto, ma una scelta condivisa, ma è chiaro che adesso può essere scelto solo qualcuno che Berlusconi considera fedele a sè.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©