Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Il progetto del Pdl è imploso"

Bocchino: 'Tra Berlusconi e Fini, strappo non ricucibile'


Bocchino: 'Tra Berlusconi e Fini, strappo non ricucibile'
22/08/2010, 09:08

ROMA - Italo Bocchino, capogruppo alla Camera del Fli, sostiene che lo strappo tra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini non si possa ricucire. "Vedo all'orizzonte la nascita di un nuovo partito politico- dichiara - Berlusconi dovrà decidere se questo partito politico potrà far parte della coalizione. Noi naturalmente siamo per questa soluzione, ma in caso contrario il voto è nelle cose".
"Il premier - prosegue il deputato finiano - ha una strana concezione della politica e del tradimento. Con una logica padronale sbatte Fini fuori dal partito e lui ha il dovere verso gli elettori di dar vita a un nuovo soggetto politico, a meno che non si torni alla logica politica della compatibilità". "Il progetto del Pdl è imploso- incalza Bocchino - Ma la politica è l'arte delle cose impossibili e Berlusconi potrebbe far marcia indietro, anche perché i sondaggi dicono che se si va al voto il Pdl perde tra i 60 e gli 80 parlamentari a vantaggio di Bossi e nostro e al Senato non avrebbe la maggioranza. E poi di fronte a due maggioranze diverse tra Camera e Senato, scommetto che Umberto Bossi sponsorizzerebbe il governo Tremonti".

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©