Politica / Politica

Commenta Stampa

Duro battibecco tra la presidente e il capogruppo Pdl

Boldrini attacca Brunetta: “ Non mi dica cosa fare”


Boldrini attacca Brunetta: “ Non mi dica cosa fare”
25/07/2013, 20:35

Tensione in aula alla Camera dopo la discussione tra la presidente della Camera, Laura Boldrini e il capogruppo del Pdl Renato Brunetta. Quest’ultimo ha accusato la presidente di non esser intervenuta quando una deputata del M5S, Carla Ruocco, ieri  aveva definito il capogruppo "capo indiscusso del gruppo unico del malaffare, delle larghe intese e dell'inciucio", annunciando che si sarebbe avvalso di tutte le prerogative a difesa della sua onorabilità.
"Bisognerebbe evitare queste cose inopportune. Mi dispiace se c'è stata un'offesa. Tutti evitino un linguaggio offensivo; non aiuta né qui dentro né fuori di qui", ha dichiarato la Boldrini in risposta alle affermazioni di Brunetta. "Io chiedo la censura!", ha urlato invece il capogruppo del Pdl. Ma Boldrini lo ha fermato: "Non è questo il tono. Vedrò il verbale e mi regolerò di conseguenza."
Dura la replica di Brunetta: "Annuncio querela per diffamazione nei confronti di Carla Ruocco e auspico che in quest'Aula non si utilizzino più frasi come quelle sentite ieri sera, che lei giustamente ha censurato, perché non fanno parte delle legittime prerogative del dibattito parlamentare".
"Non ho ritenuto neanche appropriato il tono e il modo con il quale, presidente Brunetta, lei si è rivolto nei miei confronti. Inviterei quindi, anche in questo caso, a riflettere non rispetto a me personalmente ma rispetto alla Presidenza, se vogliamo parlare di buone maniere. Capisco la sua indignazione ma credo che anche la forma vada salvaguardata", ha replicato poi la Boldrini, in merito al tono di voce utilizzato dal capogruppo.

 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©