Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Bossi: "Caso Berlusconi? I pm hanno sicuramente esagerato"

Bertone:"Servono esempi diversi per le famiglie e i giovani"

Bossi: 'Caso Berlusconi? I pm hanno sicuramente esagerato'
20/01/2011, 21:01

ROMA - ''La Santa Sede segue con attenzione e in particolare con preoccupazione queste vicende italiane, alimentando la consapevolezza di una grande responsabilita' soprattutto di fronte alle famiglie, alle nuove generazioni, di fronte alla domanda di esemplarità e ai problemi che pesano sulla società italiana''. Queste le parole del cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato vaticano, rispondendo a una domanda dei giornalisti sul caso Ruby. Il cardinale ha sottolineato come la Chiesa inviti "tutti, ma soprattutto coloro che hanno una responsabilità pubblica", ad assumere "l'impegno di una più robusta moralità, di un senso di giustizia e di legalità".
Sulla stessa lunghezza d'onda il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio che, nel rispondere alla lettera di un lettore, scrive: "E' di questo che abbiamo bisogno tutti noi, in particolare i più giovani, e soprattutto oggi: buoni esempi. E questo perché i risultati dei cattivi esempi, dei cattivi maestri, della cattiva politica e della cattiva informazione sono sotto gli occhi di tutti. Abbiamo bisogno di storie di fedeltà a un'idea chiara e giusta della vita e della famiglia. Abbiamo bisogno di testimoni di un consapevole e alto senso del lavoro e della contribuzione al bene comune, che é fatta di impegno, di pulizia, di onestà e di equità in ogni ambito civile e politico, compreso quello fiscale". Secondo Tarquinio "abbiamo bisogno di saper dire sempre con sereno e cristiano coraggio quando non siamo d'accordo (e per questo, da cittadini, dobbiamo pretendere la possibilità di far pesare pienamente il nostro voto su uomini e programmi, con la scelta diretta dei nostri rappresentanti in Parlamento che non possono e non debbono essere ancora selezionati e 'preferiti' solo dai capipartito)". Per il direttore di Avvenire, inoltre, "dobbiamo continuare a smentire, con mite e mai remissiva fermezza, coloro che pretendono di affermare che tutti gli approdi sono eguali e che non ci sono più valori-guida ma un'indistinta infinità di opzioni possibili".
Sulla bufera giudiziaria che rende protagonista il premier Silvio Berlusconi, si esprime anche il leader della Lega Nord, Umberto Bossi, che afferma: "Berlusconi si sente innocente e si sente praticamente aggredito dalla magistratura. Mi sembra che i magistrati abbiano sicuramente un pò esagerato". Sui giudizi espressi dal Vaticano, Bossi dichiara: " Il Vaticano non si commenta, ma penso che per loro sia piu' facile parlare. Berlusconi si e' trovato con la casa circondata, controllavano tutti quelli che entravano e che uscivano. Perche' non hanno controllato anche là?".




Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©