Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Mentre si apre la strada ad una "service tax" su immobili

Bossi dà ordini: "Niente elezioni, prima il federalismo"


Bossi dà ordini: 'Niente elezioni, prima il federalismo'
28/04/2010, 12:04

ROMA - Non ci saranno elezioni, perchè la Lega non le vuole, perchè c'è da approvare prima il federalismo. Parola di Umberto Bossi, leader della Lega Nord, dette questa mattina durante una intervista fatta a Radio Radicale. Durante l'intervista, Bossi ha specificato: "Serve il federalismo fiscale altrimenti l'Italia fa la fine della Grecia, è assolutamente necessario". E quando il giornalista ha chiesto se Fini sia d'accordo, il leader leghista ha risposto: "Penso di sì, sotto sotto. Adesso è tutto preso a cercare di tamponare le beghe avvenute con Berlusconi e quindi si lascia andare a ragionamenti ai quali non crede nemmeno lui, sa anche lui che occorre fare il federalismo fiscale".
Nel frattempo ieri il Ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli ha lanciato l'idea della "service tax", la tassa locale che deve prendere il posto dell'Ici. Anche se pare che dovrebbe prendere il posto di altre tasse (tassa sui tributi, addizionale Irpef, ecc.), bisogna vedere come verrà commisurata e a cosa. Infatti se fosse una tassa sui consumi o una patrimoniale sulla casa, colpirebbe più chi ha un basso reddito che chi ha un reddito alto, creando uno squilibrio che oggi non sarebbe sopportabile.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©