Politica / Parlamento

Commenta Stampa

'Dichiarazioni d'amore', poi ancora le gabbie salariali

Bossi e Berlusconi: "Tra Silvio e Umberto alleanza di ferro"


Bossi e Berlusconi: 'Tra Silvio e Umberto alleanza di ferro'
04/06/2009, 20:06

Alle 19.10, davanti ad una folla tutt’altro che oceanica, Berlusconi e Bossi hanno ribadito che tra il Pdl ed il Carroccio tutto fila liscio e che l’intesa resta ancora forte. L’annuncio è arrivato in chiusura della campagna elettorale a favore di Guido Potestà, candidato alla presidenza della provincia di Milano.
La sala del Palaghiaccio, che può contenere duemila persone, non era stracolma. Tra i presenti il ministro Ignazio La Russa ed il presidente della Lombardia, Roberto Formigoni.

“Ci saranno risultati strabilianti, - ha dichiarato Berlusconi, - cambierà la geografia della politica italiana”. Poi, i dati degli “ultimi sondaggi”, che danno il Pdl tra il 40 ed il 45%. “Il governo, - ha proseguito Berlusconi, - è al 56% nell’apprezzamento degli italiani e il presidente del Consiglio al 74%. La lega è oltre il 10%, ovviamente con delle punte elevate al nord”.

Ribadito, durante l’incontro, anche lo stretto rapporto che lega il Carroccio al Pdl. Una “alleanza di ferro e di acciaio”, ha detto il premier, sottolineando che “ai nostri avversari non va giù” la loro intesa. Poi, il Cavaliere ha ribadito quanto dichiarato durante l’ultima puntata di Porta a Porta, ovvero che, per “un principio di democrazia”, il candidato per la presidenza di Lombardia e Veneto verrà presentato da chi, tra Pdl e Lega, otterrà il maggior numero di voti.

Ma quello che lega Berlusconi e Bossi, si potrebbe dire, è veramente un rapporto d’amore. Politicamente parlando, s’intende. Tanto che il premier ribadisce che, semmai nascano delle difficoltà, delle controversie, l’accordo sarà sempre dietro l’angolo. “La Lega e il Pdl, Umberto Bossi e Silvio Berlusconi, - ha detto il senatur, - l’accordo lo troveranno sempre su tutto”. Poi, l’annuncio di una nuova iniziativa firmata Lega, dopo il federalismo. Nuova per modo di dire, visto che si tratta del vecchio pallino del senatur lombardo: “Stiamo preparando le gabbie salariali, - ha detto Bossi, - e cioè dei salari che tengano conto del costo della vita. Garantiscono salari migliori per chi abita in zone come, per esempio, Milano dove il costo della vita è altissimo”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©