Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il Senatur loda il figlio Renzo che è primo a Brescia

Bossi esulta al nord: "la sinistra è ko"


Bossi esulta al nord: 'la sinistra è ko'
29/03/2010, 20:03

MILANO- «II Pdl ha tenuto di fronte a una Lega scatenata, mentre la sinistra non ha tenuto, è andata ko» a dirlo è Umberto Bossi che dalla lettura dei primi dati elettorali può ampiamente esultare.
Per la Lega, ha detto Bossi, si tratta di «un successo importante perchè per la prima volta abbiamo dei governatori in regioni fondamentali». A giudizio del segretario della Lega ha premiato «la scelta di Berlusconi di spingere i suoi a votare il federalismo» e ora dovrà proseguire sul cammino delle riforme. Interpellato sui rapporti con il Pdl alla luce dei risultati elettorali, Bossi ha commentato: «Meno male che hanno per alleato la Lega. Il problema per loro è essere alleati con chi va forte. Il problema piuttosto è per la sinistra che al Nord e al centro non esiste più, ci sarà un motivo». E’ euforico, il Senatur. «La gente vuole il federalismo il più presto possibile, a qualsiasi costo». «Il nostro è un voto di riforme, la gente si è chiesta chi vuole le riforme» e ha votato la Lega, gongola Umberto, che si gode il successo piemontese: «Cota ha vinto, noi io me lo aspettavo quando ho candidato lui e Zaia. Ero sicuro di vincere».
Poi parlando della candidatura a Brescia del figlio, il Senatur dice: «Mio figlio è entrato in politica perché ha lavorato tanto».
«Il consiglio federale - ha aggiunto il leader del Carroccio - gli ha detto che si poteva candidare perchè aveva lavorato bene. Adesso a Brescia è il primo degli eletti della Lega».
Infine Bossi aggiunge «Renzo è bravo, e mi dà una mano, corre da tutte le parti e viene a tutti i comizi. Forse ha trovato la sua strada».

 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©