Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Non finisce la tensione per il "Sono Porci Questi Romani"

Bossi insiste contro i romani, Berlusconi lo difende


Bossi insiste contro i romani, Berlusconi lo difende
28/09/2010, 16:09

ROMA - Ancora alta tensione, sulle dichiarazioni offensive che il leader leghista Umberto Bossi ha rivolto ai romani.
Oggi Bossi rincara la dose: "Quelli che ci attaccano oggi per la mia battuta sono dei sepolcri imbiancati", ha detto agli ascoltatori di Radio Padania. Ma la cosa non è piaciuta a molti, a cominciare dall'Api, il partito di Francesco Rutelli, che ha presentato una denuncia contro il Ministro delle Riforme, nella quale, tra le altre cose, dice: "Le parole di Bossi sono frutto di un disegno ben preciso che il senatore sta portando avanti per il raggiungimento di un preciso fine politico: screditare il buon nome della Capitale, dei suoi cittadini e soprattutto delle istituzioni che non sono degne, a suo dire, di rappresentare il nostro paese". Il portavoce dell'Api, Alessandro Battisti, poi ha aggiunto: ''Bossi lancia messaggi soprattutto all'Italia del nord per realizzare il suo progetto secessionista e che nella realizzazione di tale progetto ritiene utile screditare il più possibile Roma con il mezzo della diffamazione''.
A raffreddare gli animi ci prova una nota di Palazzo Chigi, che recita: "Il Presidente Berlusconi ha rassicurato il Sindaco Alemanno di aver già  parlato con Bossi che ha ribadito come la sua fosse soltanto una battuta sul filo dell'ironia del noto fumetto francese Asterix di qualche anno addietro. Il Presidente Berlusconi ha, però, sottolineato di avere raccomandato ai Ministri di tenere un comportamento sempre e doverosamente istituzionale". Se lo dice lui...

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©