Politica / Parlamento

Commenta Stampa

BOSSI: "L'ICI VA REINTRODOTTA, IL FEDERALISMO FISCALE PER IL SUD LO SCRIVERO' IO"


BOSSI: 'L'ICI VA REINTRODOTTA, IL FEDERALISMO FISCALE PER IL SUD LO SCRIVERO' IO'
16/08/2008, 08:08

Umberto Bossi, non si fa pregare, nel tradizionale appuntamento annuale della Lega Nord a Ponte di Legno, in provincia di Bergamo, nell'attaccare a tutto campo. Per prima cosa ha deciso che dovrà essere reintrodotta l'ICI per dare autonomia fiscale ai COmuni, così come dovrà essere introdotta una tassa per le Regioni, ma una tassa diversa dall'IRAP, che "è brutta". Ammette di non averne parlato ancora con Tremonti, ma queste sono le determinazioni della Lega. Inoltre ha detto che l'introduzione di queste nuove tasse non aumenterà la pressione fiscale, perchè il federalismo riduce le tasse, è automayico. E poi la gente è più disposta a pagare le tasse, se vede che i suoi soldi servono a costruire una aiuola o una strada. Infine ha dichiarato che, sull'episodio in cui ha mostrato il dito medio verso l'inno di Mameli, l'inno non c'entrava niente, era solo memoria storica per ricordare che i romani erano soliti tagliare il medio agli arcieri nemici per impedirgli di lanciare frecce (ma chi ricorda le immagini e le parole di allora, sa benissimo che non è così, ndr). Inoltre ha affermato che entro un mese sarà approvata la nuova legge elettorale europea, che la maggioranza già ha approntato, e che sarà lui a scrivere il federalismo per il Sud.

E questa è una frase molto preoccupante, conoscendo il razzismo del Senatur verso i cittadini del Sud e sapendo che l'obiettivo della Lega è quello di avere un Sud estremamente povero, in modo da avere un mercato senza concorrenti per le merci prodotte ed una riserva di manodopera a bassissimo costo ma estremamente qualificata. E il fatto che questo sia un enorme aiuto per la criminalità organizzata non sembra preoccupare la Lega e questa maggioranza, che hanno sempre fatto di tutto per agevolarla: dall'abrogazione della legge sui pentiti a quella del falso in bilancio, usata anche dalla criminalità per nascondere i profitti illeciti delle loro aziende lecite; dallo scudo fiscale, che ha permesso il riciclaggio di miliardi di euro di provenienza illecita, a tutte le misure di impoverimento per il Sud contenute nei provvedimenti finanziari fatti da questo governo dal 2001 al 2006. Ma anche col recente decreto fiscale, col quale è stato privato il Sud di oltre 800 milioni di euro per le infrastrutture e le forze dell'ordine sono state private di oltre 3 miliardi di euro in 3 anni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©