Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il Senatur accorre nuovamente in difesa del premier

Bossi ribadisce: “La Mafia dietro le escort”


Bossi ribadisce: “La Mafia dietro le escort”
11/09/2009, 17:09

Lo aveva già detto, ora lo ripete: il caso delle escort non è altro che una manovra della Mafia per mettere in cattiva luce il presidente Berlusconi. Il ministro delle Riforme, Umberto Bossi, risponde alle domande dei giornalisti ribadendo l’idea che aveva già esposto alcuni giorni fa. “Penso che tutto sia stato messo in piedi dalla mafia”, ha detto senza mezzi termini. Per il momento non ci sono prove di questa ipotesi, che potrebbe reggere sul piano teorico ma che, all’atto pratico, resta soltanto un mero ragionamento non basato su fatti concreti. L’idea di base, infatti, è che le prostitute sono controllate dalla mafia, che le avrebbe quindi utilizzate per colpire il Governo in risposta alle leggi sull’esproprio dei beni ai mafiosi. “Abbiamo fatto leggi pesantissime contro la mafia, - ha spiegato Bossi, - l’ho detto anche a Berlusconi, ‘guarda che qui c’entra la mafia’”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©