Politica / Politica

Commenta Stampa

In via Bellerio l’incontro tra il senatur e Maroni

Bossi ritira la sua ricandidatura a segretario federale?

Lunedì la risposta. A quanto pare, strada spianata per Bobo

Bossi ritira la sua ricandidatura a segretario federale?
12/05/2012, 09:05

MILANO - Viale del tramonto per Umberto Bossi? A quanto pare si, anche se non è ancora ufficiale. In questi giorni la Lega, travolta dalle inchieste giudiziarie e dopo i risultati definitivi delle comunali, è impegnata a trovare garanzie sugli equilibri interni al partito, per scongiurare l’ipotesi di arrivare al congresso federale di Milano, quello che dovrà eleggere il nuovo segretario federale del Carroccio, con lacerazioni interne.
Ed è proprio in nome dell’unità del movimento che a via Bellerio si è consumato l’incontro tra Bossi e Maroni: i due avrebbero parlato di un’intesa che possa ricompattare il Carroccio e pare che il senatur abbia addirittura rivelato la sua disponibilità a fare un passo indietro sulla sua ricandidatura a segretario federale del partito. Su queste “voci di corridoio”, però, manca ancora una posizione ufficiale, ma qualora dovesse essere così, questo vorrebbe dire automaticamente “strada spianata” per Maroni.
Del colloquio Bossi-Maroni si sa poco, di certo i due si sono dati appuntamento alla riunione del Consiglio federale: la questione, dunque, sarà affrontata in maniera più formale proprio lunedì, nel corso del Consiglio federale. In quella seduta dovrebbe avvenire quel chiarimento che i maroniani chiedono definitivo, ma che, si sa, i cambiamenti di umore del “Capo” mettono sempre a rischio. Per il momento, nei corridoi del Carroccio, c’è chi dice che Bossi abbia confessato di aver fatto l’accordo con Maroni, optando per un suo passo indietro, e chi dice, invece, che il senatur si sia limitato a dire che con il triunviro “va tutto bene”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©