Politica / Politica

Commenta Stampa

Dalle offese alla minaccia: dopo cerca di rimediare

Bossi vs Monti: “Rischia la vita. Il Nord lo farà fuori”

Segue la polemica: per Boccia (Pd) “Umberto è pazzo”

Bossi vs Monti: “Rischia la vita. Il Nord lo farà fuori”
06/03/2012, 09:03

PIACENZA – Ci risiamo. Basta mettergli a disposizione un microfono e una telecamera e Umberto Bossi ci va giù pesante. Questa volta più del solito. È a Piacenza, dove a maggio si terranno le elezioni amministrative, che il leader del Carroccio è tornato ad attaccare il presidente del Consiglio, chiudendo ogni minima possibilità di un appoggio della Lega al governo tecnico, anche dopo il 2013.
Questa volta però, le sue parole sembrano risuonare più pesanti del solito. Il senatur aveva già attaccato il premier in diverse occasioni e anche nelle ultime ore, definendolo “un grande traditore del Nord”, ma ha deciso di rincarare la dose, passando dalle offese alla minaccia. “Rischia la vita, il Nord lo farà fuori” ha infatti detto, puntando il dito contro il governo: “Stanno riempiendo il Nord di mafiosi in soggiorno obbligato, prima o poi qualcuno si decide a impiccarli sulla pubblica piazza”.
Le sue affermazioni, in quel perfetto stile mafioso che lui stesso condanna, suscitano, e a buon ragione, immediate reazioni. “Bossi parla come un terrorista, e non basta giustificarlo perché non sta bene”, afferma il capogruppo IdV alla Camera, Massimo Donadi, mentre il leader di Sel, Nichi Vendola considera un mix “di folklore, violenza e intolleranza” le sue ultime dichiarazioni. Francesco Boccia del Pd, invece, da del pazzo al senatur: “Il signor Umberto Bossi è chiaramente incapace di intendere e di volere, è un segno evidente di squilibrio psichico”, ha detto.
Polemiche al punto tale che lo stesso Bossi, sotto suggerimento di qualcuno, decide poi di aggiustare il tiro. Quando gli fanno leggere la notizia d’agenzia che riporta le sue parole, Bossi cerca di rimediare: “Ho minacciato di morte Monti? E’ Monti che minaccia di morte noi. Ho solo detto che Monti nella testa dei padani non è ben visto – ha cercato di rimediare il senatur – perché ci porta la povertà e poi anche la mafia”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©