Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Obiettivo: mantenere il governo. Ma Umberto gela Silvio

Bossi-Berlusconi, pace fatta: “Avanti uniti”. Grande bluff?

Il premier: “Non mi dimetto. Né accetto compromessi”

Bossi-Berlusconi, pace fatta: “Avanti uniti”. Grande bluff?
22/09/2011, 12:09

ROMA – Nessuna crisi di governo, a quanto pare, e soprattutto nessun passo indietro. Non si può sapere se si tratta di un grande bluff o meno, ma sta di fatto che l’incontro tra Silvio Berlusconi e Umberto Bossi pare sia andato più che bene e sia servito a rinsaldare un rapporto di amicizia decennale.
Nel corso del tanto atteso faccia a faccia, Berlusconi avrebbe subito chiarito la sua posizione: io non ho nessuna intenzione di dimettermi, nè di accettare alcun tipo di compromesso. L’unico modo per farmi fuori è votarmi contro in Parlamento. Bossi, riferiscono fonti leghiste, sarebbe tornato a esprimere a Berlusconi tutta la sua rabbia e l'indignazione per l’articolo di Panorama, ottenendo le scuse e la rassicurazione del premier di non esserne stato informato prima. Subito dopo, i due avrebbero parlato di quella che è la situazione attuale. Il Cavaliere avrebbe esposto al Senatur lo stato dei fatti senza giri di parole: il governo rischia, non si può in questo momento prestare il fianco all’opposizione, ai magistrati e ai tanti complottisti che vogliono solo vederci andare a casa. Bossi, dal canto suo, si sarebbe detto d’accordo. Il leader leghista, del resto, non ha nessuna intenzione di andare alle urne anticipatamente: la base è in subbuglio, c’è delusione e i consensi calano.
Nessuna ipotesi di governi di transizione, larghe intese o governi tecnici, dunque. Berlusconi e Bossi pare abbiano blindato l’esecutivo. Unico obiettivo: andare avanti uniti. Il patto che da anni lega il Cavaliere al Senatur, nonostante gli ultimi strappi che sembravano voler condurre a una rottura definitiva, pare si sia  rafforzato, con l’obiettivo di mantenere in vita il governo. Ad una condizione però: per la Lega vanno subito fatte le riforme, altrimenti tutti a casa.
Fa riflettere però la dichiarazione rilasciata da Bossi ai giornalisti, mentre si recava a Montecitorio per il voto sul caso Milanese. "Tirare avanti fino a gennaio?" gli hanno chiesto i cronisti, "Con Berlusconi non c'è nessun accordo di questo tipo" ha risposto il Senatur. Allora è solo una farsa il ritrovato "amore" tra i due?

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©