Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Il federalismo servirà più al Sud che al settentrione"

Bossi:"Senza la macchina del nord il paese non funziona"


Bossi:'Senza la macchina del nord il paese non funziona'
01/04/2010, 21:04

ROMA - Oggi l'Italia "dipende sicuramente dalle attività padane. La Padania manda i soldi e riesce a tenere in piedi lo Stato. Se non va la macchina del nord il Paese non funziona". A pronunciare queste parole durante un'intervista rilasciata al programma "L'Ultimaparola" è Umberto Bossi in persona. Secondo il leader del Carroccio, dunque, "Il federalismo è una grande occasione di sviluppo del nord ma lo è forse ancor di più per il sud".
Grazie alla nuova riforma da tempo caldeggiata dalla Lega ed oggi concretamente attuabile, dunque "invece di dare i soldi a tutti e a tutto li si dà a chi è costretto a investire, a comportarsi bene, non a sprecare"
E a proposito di sperperi, il Senatùr ricorda ad esempio che "le carceri costano dieci volte di più al sud che in Lombardia". Il sogno secessionista leghista passa dunque per una riforma economica che "è un'opera d'arte da lisciare per bene" e che permetterà finalmente una equanime distribuzione della ricchezza e delle risorse economiche e finanziarie all'interno del paese.

"CI HANNO SOTTOVALUTATO"
"Ci hanno sottovalutato ma è stato meglio così"; Bossi si dice "emozionato" per gli egregi risultati ottenuti alle elezioni regionali del 2010 e commenta così il termine vittorioso di quella che è stata definita un po' da tutti la più brutta campagna elettorale di tutti i tempi:"Sapevo  che sarebbe andata così. E' nel cuore della gente, e io sono emozionato e dedico questa vittoria della Padania a mio figlio che ha trovato la sua strada". E beata la piccola "trota" che, nonostante la sua bocciatura plurima alle scuole superiori e la sua esperienza politica pari quasi a zero, è riuscito a ritagliarsi già un posto di tutto rispetto nel consiglio regionale della Lombardia. E che nessuno provi ad insinuare che il bagno di voti il piccolo ram(pollo) lo abbia ottenuto grazie al cognome che porta. Che nessuno osi dubitare del fatto che, in qualunque parte d'Italia (spece al sud), qualunque figlio di nessuno alla sua prima esperienza elettorale possa sedere su di una comoda (e fruttuosa) poltrona al consiglio regionale. L'ultima perla il leader leghista la regala riguardo il 150° anniversario dell'Unità D'Italia:"C'è sempre un'Italia che dipende dalle attività padane. La Padania è quella che tiene in piedi lo Stato". Ed in effetti, senza queste famose "attività padane" che svuotarono a suo tempo le casse del Regno delle Due Sicilie, l'Unità del nostro bel paese non sarebbe stata possibile. Che dire: in storia Bossi non pare particolarmente ferrato ma, del resto, come si suol dire, tale padre...

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©