Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Confermato che la nomina serve solo ad impedire il processo

Brancher: "Legittimo impedimento? Ho da fare"


Brancher: 'Legittimo impedimento? Ho da fare'
20/06/2010, 12:06

ROMA - Non che ci fossero dubbi, ma oggi è lo stesso Aldo Brancher che conferma il vero motivo per cui è stato scelto come Ministro per l'Attuazione del federalismo. Lo fa in una intervista rilasciata al quotidiano "La Stampa". Già si sa che il suo ruolo è di aumentare la cerniera che lega Berlusconi e la Lega, dato che Brancher è stato a lungo un dipendente della Fininvest ma è molto apprezzato tra i "lumbard". Nell'intervista poi afferma, a proposito del suo ruolo: "La competenza del ministro Bossi è sui contenuti, ma tra la legge e la sua applicazione c’è molto lavoro da fare. Bisogna verificare passo dopo passo che ciò che viene deciso a livello politico poi venga eseguito. Diamo un segnale che questo governo crede al federalismo fiscale. Abbiamo tre anni davanti e bisogna far capire chiaramente che questo progetto, che fa parte del programma della maggioranza, andrà avanti. E’ la logica conseguenza dell’alleanza con la Lega. Il mio ministero è una cabina di regia che non interferisce con le funzioni di altri ministeri, ma li coordina, li aiuta a camminare con la stessa marcia".
Quando però si arriva al punto focale, nell'intervista Brancher diventa evasivo: "Non ho ancora parlato con i miei avvocati della questione del legittimo impedimento, ma è chiaro che avrò abbastanza da fare". Perchè bisogna ricordare che Brancher è sotto processo per ricettazione nel caso della scalata dell'ex Presidente della Banca di Lodi, Giampiero Fiorani, all'Antonveneta. E il prossimo 26 giugno ci sarebbe stata la prima udienza del processo. E' evidente quindi che a questo punto ci sarà l'uso del legittimo impedimento (che vale per tutti i ministri ma non per i sottosegretari) per bloccare quel processo. Il che poi è il vero motivo per cui il governo, con la complicità del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha deciso per l'introduzione di questo nuovo Ministero, la cui utilità reale è nulla, ma le cui spese sono elevate, come in qualsiasi ministero

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©