Politica / Parlamento

Commenta Stampa

I tagli al personale presentati come un successo

Brunetta: entro il 2013 300 mila dipendenti in meno nella PA


Brunetta: entro il 2013 300 mila dipendenti in meno nella PA
28/10/2010, 13:10

ROMA - 300 mila posti in meno nella Pubblica Amministrazione da qui al 2013: queste le previsioni del Ministro Renato Brunetta. Questa riduzione di personale verrà ottenuta semplicemente proseguendo con il blocco del turnover, che va avanti dal 2008. In termini percentuali, parliamo di una riduzione dell'8,4%. Finora, tra il 2008 e il 2009, a lasciare il posto di lavoro senza essere sostituiti, sono state 72 mila persone.
Sempre secondo i dati enunciati da Brunetta, la lotta all'assenteismo ha fatto calare le assenze di malattia, in media, del 35%, equivalente alla presenza di 65 mila persone in più al posto di lavoro.
Infine, sempre secondo il Ministro, lasciare tanti posti di lavoro vacanti non è un problema. Basta che gli altri dipendenti pubblici - che a fine 2013 saranno 3,2 milioni - aumentino la propria redditività sul lavoro del 2% e compenseranno tranquillamente le 300 mila fuoriuscite dal posto di lavoro.
Bei calcoli sulla carta. Ma se questo significa un risparmio di circa 500 milioni all'anno, significa anche personale con una età media più alta e quindi meno flessibile, meno pronto e in sostanza meno efficiente.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©