Politica / Politica

Commenta Stampa

Parla il capogruppo FI alla Camera dei Deputati

Brunetta: "Il governo cadrà come un pugile suonato"

Sulla legge di stabilità: "Serve un grande accordo politico"

Brunetta: 'Il governo cadrà come un pugile suonato'
27/12/2013, 10:20

Renato Brunetta è convinto che il governo cadrà. Questo è quanto traspare dall’intervista fatta dal quotidiano "la Repubblica" al capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. "Nella storia della Repubblica non è mai successo che un governo che ha ricevuto la fiducia su un provvedimento il giorno dopo decida di farlo decadere come accaduto con il Salva-Roma. Un decreto peraltro trasformato in un 'millemarchette' che nulla aveva a che fare con la motivazione iniziale controfirmata dal presidente della Repubblica, il cui disappunto è quindi comprensibile. Il governo è in stato confusionale e sta minando alla base le regole del gioco istituzionale. Quando un esecutivo arriva a fare queste cose è finito". E alla domanda su come e quando cadrà, Brunetta risponde: "Quando un pugile è suonato va al tappeto anche da solo”.
Caduto il governo sarà necessario tornare alle urne. "Serve un grande accordo politico tra le forze oggi in Parlamento alla luce del sole. Serve un accordo ampio, le tecnicalità seguiranno poi. Serve un'intesa che se per eleganza arrivasse anche prima della pubblicazione della sentenza della Consulta sul Porcellum avrebbe un grande significato politico. Sui contenuti mi rifaccio a quanto detto da Berlusconi: si può partire dal Mattarellum per una legge maggioritaria da fare subito per andare a elezioni quanto prima, magari assieme alle europee del 25 maggio 2014. Basta con i governi tecnici, basta con i governi del Presidente, viva i governi democratici voluti dal popolo”. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©