Politica / Politica

Commenta Stampa

L’Ue promuove Monti e boccia il voto anticipato

Bruxelles: “A questo Paese servono riforme, non elezioni”

Ispezione ai ministeri più lunga del previsto: per vigilare

Bruxelles: “A questo Paese servono riforme, non elezioni”
12/11/2011, 09:11

BRUXELLES – “Questo Paese ha bisogno di riforme, non di elezioni”: tuona forte il presidente Ue Herman Van Rompuy, che a sorpresa dice la sua nell’infuocato dibattito italiano che vede gli schieramenti politici contrapporsi tra governo tecnico e voto subito. Ormai ci siamo, con l’ultimo passaggio di oggi alla Camera la legge di stabilità sarà approvata e entro domenica, al massimo lunedì, Bruxelles attende le risposte sugli impegni presi da Berlusconi con l’Unione europea.
La situazione italiana è molto precaria e la Commissione Ue sembra esserne consapevole: al punto tale che sembra spuntare fuori l’ipotesi di rendere permanente la missione Ue-Bce che sta ispezionando i ministeri, per assicurare che le riforme vadano avanti: “In questo momento è di fondamentale importanza che le autorità italiane approvino il pacchetto di misure nel week end , per mandare un segnale forte ai partner internazionali e ai mercati”, è infatti tornata a ribadire l’Unione europea.
Il ragionamento fatto da Bruxelles sembra essere questo: far passare le misure in Parlamento non è che solo il primo passo. Queste vanno poi applicate, e con rigore. Proprio per questo da Bruxelles verrebbe l’ipotesi di prolungare la missione Ue-Bce: per verificare sull’applicazione delle misure. In questo starebbe il “monitoraggio costante” sull’Italia di cui ha parlato Rehn, con rapporti trimestrali esattamente come viene fatto per i Paesi sotto programma di assistenza europeo, come Grecia, Irlanda e Portogallo. Il primo rapporto sull’Italia, il team di esperti Ue-Bce deve presentarlo, infatti, prima del 29 novembre, giorno in cui l’Eurogruppo dovrà esaminarlo.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©