Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Buonfiglio: "Tonno rosso, non è detta l'ultima parola"


Buonfiglio: 'Tonno rosso, non è detta l'ultima parola'
09/09/2009, 17:09


Non è affatto definitiva la posizione assunta oggi dalla Commissione europea, in vista della riunione della CITES nel marzo 2010, sulla richiesta di vietare il commercio internazionale di tonno rosso. Infatti, la posizione sarà messa a punto alla luce dei risultati scientifici aggiornati relativi allo stato dello stock che saranno resi noti, nel prossimo mese di novembre, in occasione dell’annuale assemblea dell’ICCAT”. La precisazione è del Sottosegretario con delega alla pesca, On. Antonio Buonfiglio, che nei giorni scorsi ha seguito costantemente l’andamento delle discussioni all’interno della Commissione di Bruxelles.  “Nei contatti che ho avuto” – ha aggiunto il Sottosegretario – “ho sottolineato gli sforzi fatti negli ultimi anni per contenere la pesca del tonno rosso, per ridurre la capacità di pesca e contrastare con sempre maggiore efficacia l’attività illegale. Ad agosto, abbiamo trasmesso alla Commissione un piano secondo cui la nostra flotta tonniera con il sistema a circuizione passerà dalle attuali 49 a 22 imbarcazioni”.  “È anche importante sottolineare che nella preparazione di quella che sarà la posizione finale, la Commissione ha accettato di predisporre un’analisi di impatto socio-economico sulle diverse opzioni”.
“La tutela dello stock di tonno rosso è assolutamente prioritaria”, ha concluso il Sottosegretario. “Tant’è che lo scorso anno l’Italia ha proposto a Bruxelles una moratoria di almeno un anno della pesca del tonno rosso. La nostra proposta fu bocciata per l’opposizione di alcuni Stati membri che oggi sono schierati a favore del blocco del commercio internazionale. La nostra proposta resta sul tavolo”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©