Politica / Parlamento

Commenta Stampa

In primo luogo c’è il capitolo Bankitalia. Come ne uscirà?

C'è la fiducia. Ma Berlusconi non può dormire sugli allori

Il premier guarda con grande ansia al post voto

C'è la fiducia. Ma Berlusconi non può dormire sugli allori
15/10/2011, 10:10

ROMA – “Agguato fallito”, assicura il presidente del Consiglio, ma la fiducia ottenuta ieri alla Camera dei deputati (la 51esima per l’esattezza) sembra non basti a mettere il governo al riparo da possibili e futuri incidenti di percorso. Nonostante i 316 voti a favore, infatti, l’ipotesi del voto anticipato resta comunque la più plausibile e gettonata, mentre si dice la qualunque su quello che a partire da oggi sarà l’iter lavorativo della squadra di governo.
È lo stesso Silvio Berlusconi a tirare un sospiro di sollievo, ma non nasconde ai suoi fedelissimi la preoccupazione per i prossimi appuntamenti parlamentari. Fonti parlamentari vicine al premier fanno sapere che lui stesso teme quello che può essere ora l’atteggiamento dei “frondisti”, che, ne è consapevole, “prima o poi chiederanno il conto”. Tra l’altro Claudio Scajola, nelle ore antecedenti il voto di fiducia, è stato più che chiaro: “Dopo la fiducia bisogna fare un grande cambiamento, altrimenti andremo a sbattere”.
Ma quali sono i banchi di prova che il premier dovrà affrontare? Il primo riguarda le misure per la crescita. Berlusconi vorrebbe che il decreto approdasse, almeno per un esame preliminare, al Cdm della prossima settimana, ma i paletti posti del Tesoro (misure a costo zero) lasciano pochi margini d’azione. C’è poi anche il malcontento dei vari ministri per i tagli ai dicasteri, mentre resta lo stallo sul non meno complicato capitolo Bankitalia. Questo “rebus” è, a detta di fonti ministeriali, ben lungi dall’essere risolto, anche se Berlusconi pare sia tornato a prendere tempo, garantendo al Capo dello Stato una soluzione a breve.
In altre parole, i 316 voti di fiducia ottenuti se da un lato rappresentano uno smacco per le opposizione, dall’altro comunque non permettono a Berlusconi di dormire sugli allori.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©