Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Fare squadra contro questo cancro"

Calcio, Kyenge: "Stop a razzismo e xenofobia"


Calcio, Kyenge: 'Stop a razzismo e xenofobia'
24/08/2013, 17:41

ROMA - Riparte il campionato di serie A e la politica "scende in campo" per i diritti. Un torneo senza razzismo e xenofobia: questo è l'auspicio di Cecile Kyenge, ministro dell'Integrazione, che ha a tal proposito affermato: "Tutti gli attori coinvolti, in campo e fuori, facciano squadra per debellare questo cancro". "Comincia oggi il campionato di calcio, un evento che sara' seguito da milioni e milioni di tifosi", ha scritto il ministro, "un viaggio che domenica dopo domenica fara' trepidare i cuori di quanti con passione e amore seguono la propria squadra del cuore". "Purtroppo però", ha osservato la Kyenge, "i nostri stadi sono stati spesso protagonisti di episodi incresciosi di razzismo, intolleranza, e gesti che poco hanno a che vedere con lo spirito che accompagna la grande maggioranza dei tifosi". Il banco di prova è rappresentato nell'immediato dagli anticipi odierni Verona-Milan, con fischio d'inizio alle 18:00, una gara sotto osservazione per i tweet anti xenofobi lanciati da Balotelli nella serata di ieri, e da Sampdoria-Juventus (20:45), con i recenti ripetuti fischi ai calciatori di colore della Juventus durante la finale della Supercoppa Italia all'Olimpico di Roma. Il ministro Kyenge ha infine aggiunto "che a partire gia' da questa prima giornata si possa vedere sui campi solo il bel gioco, che e' fatto sia dalla componente tecnica dei giocatori che lealmente si sfidano, sia dai comportamenti di tutti i protagonisti, in campo e fuori. Sono fiduciosa che in particolare siano banditi gli atteggiamenti razzisti e xenofobi, e che tutti gli attori coinvolti, in campo e fuori, facciano squadra per debellare questo cancro".

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©