Politica / Regione

Commenta Stampa

Il numero 1 di Palazzo Santa Lucia a sostegno di Del Gaudio

Caldoro annuncia i progetti della Regione per Caserta

E a Zinzi replica: ci occuperemo anche del turismo

.

Caldoro annuncia i progetti della Regione per Caserta
09/05/2011, 14:05

CASERTA - Il presidente della Regione, Stefano Caldoro, fa tappa a Caserta per sostenere il candidato sindaco del Pdl, Pio Del Gaudio , ma il suo arrivo in città non sembra suscitare grande clamore, almeno tra le fila del Pdl. Assenti Nicola Cosentino (impegnato in una convention a Casoria) e gli altri big del centrodestra, ad eccezione della deputata Giovanna Petrenga, dell’on. Riccardo Ventre e del consigliere Angelo Polverino. In sala infatti ci sono soprattutto candidati e simpatizzanti del nuovo Psi ai quali il presidente Caldoro snocciola una serie di progetti che la Regione ha intenzione di realizzare a Caserta: il recupero del Macrico attraverso i fondi Piu Europa, la riattivazione del tavolo delle aree di crisi con il ministro dello Sviluppo Paolo Romani, il rilancio delle politiche del lavoro e soprattutto la bonifica del litorale domizio. Un argomento quest’ultimo che si era rivelato terreno di scontro con il presidente della provincia di Caserta, Domenco Zinzi che, appena 24 ore prima, aveva accusato Caldoro di tenere fermi nel cassetto progetti già cantierabili, bloccando così lo sviluppo del turismo casertano. Accuse alle quali il presidente della regione risponde così: ‘Tutti sanno che fino al 31 marzo la Regione non ha potuto impegnare un solo euro per non sforare il Patto di stabilità, ora invece abbiamo inserito nei nostri programmi tante iniziative in più per Caserta e la sua provincia’. Il rilancio di Caserta dipende soprattutto dal sostegno morale ed economico della Regione Campania, ne è convinto Pio Del Gaudio che al presidente chiede vicinanza e collaborazione per realizzare appieno la filiera istituzionale: ‘Stare al fianco del presidente Caldoro mi tranquillizza e, soprattutto, mi dà una carica in più che, in questo momento, è indispensabile per lo sprint finale. Abbiamo grandi idee per il decollo del territorio e, tutto questo, sarà possibile solo ed esclusivamente se si creerà quella filiera istituzionale (Governo centrale, Regione, Provincia e Comune) che fino ad oggi non è esistita’.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©