Politica / Regione

Commenta Stampa

L'EDITORIALE

Caldoro cerca soldi, Armando Cesaro fa voti per Alfano

Fischiatissima "giustificata" Carfagna, governatore assente

Caldoro cerca soldi, Armando Cesaro fa voti per Alfano
30/06/2012, 13:06

Crisi della politica? Impressionante ascesa dell’”antipolitico” Movimento 5 stelle? Macchè !!! Un successo inaspettato quello del PDL alla Mostra d’Oltremare di Napoli con ben 7000 presenze nella nuova sala congressi del polo fieristico partenopeo. Politici, tesserati e tantissimi giovani hanno accolto il segretario nazionale Angelino Alfano. Il partito del presidente Berlusconi ha lanciato un segno al territorio ed ai tutti quelli che pensavano in una disfatta all’indomani del deludente risultato delle amministrative. Presente anche la fischiatissima Mara Carfagna, modello secondo i giovani di una carriera politica non basata sul merito, ma su raccomandazioni che escludono chi vale dalla possibilità di trovare opportunità sul territorio. Mentre qualche nostalgico più anziano implorava dagli spalti il caro “Silvio”, Angelino Alfano ha raccontato, ad una sala gremita di bandiere e magliette colorate, la storia recente riassunta in un passo indietro dell’ex premier in quota PDL terminato con le bugie di Mario Monti che non hanno risolto nessuna crisi. Lo stesso Alfano ha sorpreso i presenti in sala illustrando i veri problemi politici che hanno generato questa crisi globale: banche, agenzie di rating e logiche di interessi globali di cui Monti ha sempre fatto parte insieme a soggetti inseriti nella sinistra. Un discorso alla Grillo !!! Hanno esclamato i presenti in sala, ma sicuramente più coerente delle logiche di una certa area politica del paese che vuole a tutti i costi confermare questo estabilishment al potere, facendolo suo per le prossime elezioni. Dopo aver disertato la festa della Guardia di Finanza, Stefano Caldoro ha preferito volare a Bruxelles per sbloccare 500 milioni in favore della sua Campania. Il governatore, da sempre attento a nuovi orizzonti elettorali, non è riuscito ad omaggiare i suoi elettori, nonostante la presenza dei giovani socialisti che hanno regalato una maglietta con impresso il sostegno morale ad Alfano. Un chiaro segno di distacco dalle scelte politiche del Governatore. Ma i giovani che hanno vinto, sono stati sicuramente quelli della Giovane Italia. Numerosissimi e capitanati dal vicepresidente nazionale Armando Cesaro che ha definito “Alfano” come il Balotelli del Centrodestra. Questo successo mediatico riuscirà sicuramente a dare vitalità ad un partito che in Campania pare non essere morto, ma paga lo scotto di grosse perdite nell’asset dirigenziale e di un potere che non riesce ad esercitare per l’ammutinamento di chi non vuole riconoscere ai suoi elettori il beneficio di aver portato un partito alla conquista della governante regionale.

Commenta Stampa
di CoScienza
Riproduzione riservata ©