Politica / Politica

Commenta Stampa

Caldoro contro 'le bugie' della Lega Nord: 'Fondo di garanzia per un'Italia unita'


Caldoro contro 'le bugie' della Lega Nord: 'Fondo di garanzia per un'Italia unita'
22/02/2012, 16:02

Dopo gli attacchi della Lega Nord sferrati dalla prima pagina de La Padania, il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro risponde con un video messaggio per chiarire la sua proposta di un Fondo di garanzia nazionale. Nel filmato, apparso sul suo blog, il governatore replica dicendo di essere stato attaccato "La Padania mi attacca personalmente per la proposta di equilibrio nazionale, fatta nell'interesse del Paese, e dice che vogliamo togliere le risorse, il tesoro dei sindaci del Nord. Intanto non sono del Nord o del Sud, ma dell'intero Paese".

Il presidente inoltre invita a "evitare di parlare di stereotipi negativi e di un Sud sprecone". Poiche' proprio le regioni del Mezzogiorno hanno "capacita' di miglioramento. E' un Sud che sta cambiando, accetta la sfida ogni giorno e sta migliorando molto di piu' di tante Regioni del Nord".

Caldoro ribadisce, in poche parole, la sua proposta di creare un Fondo di garanzia nazionale e utilizzarlo per pagare le imprese, il tutto grazie a risorse rese inutilizzabili dal rischio di sforare il Patto di stabilita'. "Questi soldi sono chiusi nei forzieri ed e' un delitto non spendere risorse che sono disponibili". Secondo Caldoro il fondo sarebbe "un modo per equilibrare nel Paese i pagamenti alle imprese, anche nazionali".

Il governatore sottolinea che "sarebbero i soldi del Mezzogiorno, quelli che i cittadini del Sud, nella fiscalità generale pagano da anni per sostenere le pensioni di anzianità che vanno per 75% al Nord". Il presidente ricorda ancora, "per continuare a seguire le bugie di una interpretazione di questo genere" che "i fondi per il Sud, nel momento della crisi", sono stati utilizzati "per gli ammortizzatori sociali e sono andati prevalentemente li'".

Infine Caldoro afferma che "Nei momenti di difficolta', quando il Paese deve ragionare complessivamente. non sono soldi di qualcuno contro qualcun altro ma un modo per riequilibrare la tenuta nazionale". E conclude che tra "tante bugie e attacchi inutili e pretestuosi da parte della Padania una cosa la dicono giusta: mi rimproverano di essere il presidente di Regione che difende come nessun altro gli interessi del Sud. Non credo si tratti di interessi del Sud fuori dal contesto nazionale. La proposta nasce dal Sud, da una Regione del Sud, ma nell'interesse di un Paese unito, di un'Italia unita".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©