Politica / Regione

Commenta Stampa

Presentato il sito Internet del candidato del Pdl

Caldoro inaugura il lato web della campagna elettorale


.

Caldoro inaugura il lato web della campagna elettorale
11/02/2010, 15:02

NAPOLI – E’ in piena forma Stefano Caldoro, candidato del Pdl per la poltrona di Governatore della Campania, mentre illustra i contenuti del proprio sito Internet, presentato questa mattina all’hotel Mediterraneo.
Con la campagna elettorale quasi agli sgoccioli, probabilmente a renderlo così raggiante sono gli ultimi sondaggi: il candidato del centrodestra raccoglie il 56,5% dei consensi, staccando di oltre dieci punti il diretto concorrente, Vincenzo De Luca, che invece si attesta appena al 42%.
Il sito, spiega Caldoro, è stato concepito per informare i cittadini sulla politica messa in atto dal candidato e per permettere di seguire passo passo tutte le iniziative in cantiere ed in corso.
Uno spazio, aggiunge Caldoro, dove la parola d’ordine è trasparenza: saranno, per esempio, pubblicati anche i costi sostenuti per la campagna elettorale. Il sito web, oltre a permettere l’interazione con i cittadini, è anche un aggregatore di notizie e riporta le principali vicende politiche nazionali e regionali.

Non poteva mancare una battuta sulle elezioni e sulla diatriba dei “due pesi, due misure”, nata dal comportamento adottato dalla sinistra nei confronti dei candidati presentati dalle coalizioni. Se infatti le vicende giudiziarie di Cosentino hanno fatto urlare allo scandalo, con allegata richiesta di dimissioni, lo stesso non è stato per De Luca: la stessa sinistra giustizialista ha accettato di buon grado la promessa del candidato governatore, il quale ha assicurato che si dimetterebbe se fosse condannato.
“Sono garantista, - commenta Caldoro, - e credo che sia Cosentino sia De Luca siano completamente estranei ai fatti che sono loro attribuiti. Però è un po' strano che quando si guarda nell'altro schieramento un indagato è già colpevole e invece gli indagati propri vanno sempre bene e bisogna aspettare una eventuale sentenza definitiva. Ci sono sempre due pesi e due misure e sempre tanta ipocrisia".

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©