Politica / Regione

Commenta Stampa

L'intervista del governatore della Campania

Caldoro, orgogliosi del lavoro svolto

"Fiducia per il futuro"

Caldoro, orgogliosi del lavoro svolto
30/12/2010, 15:12


NAPOLI - "Siamo orgogliosi del lavoro fatto in sei mesi. Abbiamo approvato il piano casa ed il piano per le politiche attive del lavoro, stiamo completando il piano rifiuti e il piano rurale, abbiamo messo in campo le misure opportune per la stabilizzazione finanziaria ed il rientro dal debito sanitario. Sono provvedimenti di grande importanza, che ci fanno guardare al futuro con fiducia". Così il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro in una intervista al TGR Campania. "La Campania ed il Mezzogiorno possono e devono essere strategici nello sviluppo del Paese, per le grandi potenzialità di cui sono in possesso. In questa direzione il Piano per il Sud del Governo rappresenta una opportunità importante, che ci offre la possibilità di valorizzare al meglio le risorse esistenti. In Campania - ricorda Caldoro - abbiamo il carburante. Siamo la regione più giovane d'Italia: utilizzare nel modo migliore questa ricchezza rappresenta un traguardo per il quale le istituzioni sono chiamate a mettere in campo tutti gli sforzi. Lavoriamo sui fatti. Diffidiamo dei chiacchieroni, bisogna parlare poco e pensare in grande. Sono d'accordo sull'autorevole appello fatto dal cardinale Sepe quando ha lanciato un Giubileo per Napoli: un messaggio di speranza. E' tempo di un alto impegno civico al servizio della città e dell'intera regione". Per il 2011 il presidente Caldoro punta su tre grandi obiettivi. "Va completato - dice - il piano di stabilizzazione finanziaria. Le carte devono stare in regola, ed ogni euro va utilizzato bene, con interventi mirati alla crescita dello sviluppo e dell'occupazione. Va concretizzato il piano per il lavoro, per mettere a rete il sistema, specializzando una offerta in grado di soddisfare la domanda di mercato. Vanno realizzati, attraverso l'utilizzo dei fondi comunitari, i grandi progetti strategici necessari a fare della Campania e del Mezzogiorno aree di attrazione di investimenti utili alla crescita del Paese e ad assicurare un salto di qualità in termini di competitività dell'Italia in Europa e nel resto del mondo".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©