Politica / Politica

Commenta Stampa

Crollo dell’eurozone pericolo per tutti

Cameron: “ Se Grecia esce dall’euro pericolo per tutti”


Cameron: “ Se Grecia esce dall’euro pericolo per tutti”
17/05/2012, 21:05

Nel caso in cui la Grecia dovesse essere costretta a uscire dall'euro, il possibile crollo dell'eurozona pone “enormi rischi per tutti”. Così il primo ministro britannico David Cameron nel discorso che pronuncerà oggi, in cui invita l'Europa a “trovare una soluzione altrimenti affronterà una potenziale rottura”.
Nel suo intervento, Cameron afferma che “o l'Europa ha un'eurozona impegnata, stabile, con un firewall efficace e banche ben capitalizzate e regolate, un sistema di condivisione del peso fiscale e una politica monetaria di sostegno nell'eurozona, oppure siamo in un territorio inesplorato che porta enormi rischi per tutti”.
Inoltre, il Premier Inglese ha costanti contatti con Monti, Hollande, Merkel per il prossimo G8, ma soprattutto per risolvere i problemi della Grecia e dell'Europa. Il premier inglese insiste sugli Eurobond, e ribadisce l'affinità con le proposte del primo ministro italiano. Se a questo si somma la posizione antirigorista di Hollande, c'è chi dice che ormai Merkel è in minoranza in Europa.
I temi legati all'agenda G8 di Camp David e alla crisi economica al centro del vertice telefonico tra Mario Monti, il presidente francese Francois Hollande, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il premier britannico David Cameron anche dal presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy.
Poco prima della call conference, il premier britannico aveva ribadito la necessità di bond europei: “L'eurozona deve introdurre metodi di governance che creino fiducia, si devono aggiungere alla logica di un'unione monetaria delle soluzioni per il sostegno e la responsabilità collettiva: gli eurobond in questo senso sono un possibile esempio”.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©