Politica / Napoli

Commenta Stampa

Camorra, Cozzolino: "con l'esercito a Napoli più agenti impegnati nella lotta ai Clan"


Camorra, Cozzolino: 'con l'esercito a Napoli più agenti impegnati nella lotta ai Clan'
24/09/2012, 10:38

“Per avere più forze dell’ordine impegnate nelle indagini e nelle operazioni di contrasto alla camorra, occorre liberare quante più unità è possibile della polizia, dei carabinieri e della guardia di finanza dai lavori di controllo ordinario. L’unica strada è rappresentata quindi dall’invio dell’esercito a Napoli, proprio per sostituire le forze dell’ordine nelle mansioni più ordinarie, mentre agenti ed investigatori possono concentrare il loro lavoro per fermare i traffici, chiudere le piazze dello spaccio ed abbattere i fortini dei clan”, dichiara il vice capodelegazione del Pd al Parlamento europeo Andrea Cozzolino.

“Quella dell’invio dell’esercito – dice - è una decisione che va presa al più presto. La nuova ondata criminale che ormai investe tutta la città di Napoli, da Scampia al centro antico, va fronteggiata subito con una risposta straordinaria da parte dello Stato. Più si va avanti nell’escalation, più è complicato disinnescarla. Un’azione di repressione appropriata rende più efficace la necessaria opera di recupero di cui le istituzioni debbono farsi carico ed è anche un incentivo alla mobilitazione civica per dire no alla camorra e alla violenza”, conclude Cozzolino.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©