Politica / Politica

Commenta Stampa

Camorra, Marciano: "riappropriarsi festa dei gigli di barra, o sospenderla"


Camorra, Marciano: 'riappropriarsi festa dei gigli di barra, o sospenderla'
28/09/2011, 10:09

“Non è pensabile che una festa di popolo, che da generazioni coinvolge decine di migliaia di persone, possa continuare a essere infangata nel silenzio di tutti. Lo dico da napoletano nato e cresciuto a Barra: è arrivato il momento di riappropriarsi della festa. E se questo non è possibile, di sospenderla”. E’ quanto afferma Antonio Marciano, coordinatore della segreteria del PD Campania e consigliere regionale democrat. “Il video pubblicato da L’Espresso è scioccante – continua - Bisogna che si faccia qualcosa, a partire dalle Istituzioni: Comune, Provincia, Regione, ma anche la Chiesa, che può obbligare i parroci a rifiutarsi di benedire i Gigli. E poi, si può pensare di creare un Ente Festa, che controlli davvero che i clan siano tenuti fuori dall’organizzazione”. “Barra – conclude Marciano - non può più essere una zona franca nelle mani dei clan, che continuano a usare la festa per accrescere il loro potere e la loro popolarità”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©