Politica / Regione

Commenta Stampa

Lavoro

Campania al lavoro funziona, 2695 nuovi posti di lavoro

Molte le adesioni delle imprese campane

.

Campania al lavoro funziona, 2695 nuovi posti di lavoro
10/03/2011, 15:03

NAPOLI – “Campania al lavoro funziona la nostra priorità era e resta creare condizioni per un'occupazione reale, per dare finalmente una risposta al problema della disoccupazione". L'assessore al Lavoro della Regione Campania, Severino Nappi, si dice soddisfatto per i primi risultati che arrivano a dieci giorni dall'avvio effettivo dei primi bandi del Paino straordinario per il Lavoro, messo a punto, ha precisato, "insieme alle parti sociali" e che hanno evidenziato come nel lasso di tempo considerato (21 febbraio-4 marzo) sia stato possibile dare lavoro a 2.965 persone. "Abbiamo parlato al tessuto produttivo regionale - ha sottolineato - e le imprese cominciano a credere e ad avere fiducia nelle misure messe finalmente in campo. Rispetto al passato, infatti, non si tratta di stage o corsi di formazione che lasciano il tempo che trovano, ma di politiche reali, concrete". Attraverso i bandi, di cui uno in particolare dedicato ai disoccupati "Più lavoro più sviluppo", Nappi ha evidenziato che "in questo modo si tenta di risolvere il problema dei senza lavoro di lungo corso. Se queste misure fossero state messe a punto negli anni passati, non ci sarebbe stata alcuna necessità di creare un bacino di disoccupati". All'interno di questa misura sono compresi, nel cosiddetto Asse 1, anche finanziamenti per i Bros. "Si stanno tenendo i colloqui per la loro collocazione - ha fatto sapere l'assessore - In due settimane sono stati oltre mille i disoccupati del movimento Bros sottoposti a questi colloqui da parte delle agenzie interinali". La semplificazione delle pratiche burocratiche e la possibilità di rivolgersi a sportelli dedicati e di accedere ai bandi tramite il web hanno favorito, secondo Nappi, l'adesione delle oltre mille aziende alle misure previste dal Piano. Le prossime misure, per le quali l'Assessorato al Lavoro sta lavorando con quello all'Università e ricerca e quello alla Cultura, saranno destinate agli studenti. "Mancano i dati relativi ai progetti destinati agli extracomunitari - ha concluso - ma è solo perché il bando è operativo dal primo marzo e tre giorni sarebbero stati pochi per una rilevazione, ma sono già numerose le aziende che hanno mostrato interesse".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©