Politica / Politica

Commenta Stampa

Campania, Amendola (PD): "Alfano perchè non parla? "


Campania, Amendola (PD): 'Alfano perchè non parla? '
09/12/2011, 12:12

NAPOLI 8 DICEMBRE - "Angelino Alfano perché non parla? Nel Pdl ora vige la regola del silenzio?" a dichiararlo e’ Enzo Amendola, segretario regionale del Pd Campania a margine del presidio svoltosi questa mattina a Piazza del Plebiscito promosso per chiedere le dimissioni del coordinatore regionale del Pdl Nicola Cosentino, e il presidente della Provincia di Napoli e coordinatore provinciale Pdl, Luigi Cesaro, dopo l’inchiesta della magistratura napoletana che li vede sul banco degli imputati.

"E’ strano tutto questo silenzio a seguito della valanga che ha investito, per l’ennesima volta, il Pdl in Campania con inquisiti e richieste d’arresto per collusioni con le forze criminali" aggiunge Amendola.

"Alfano ha annunciato di voler fare pulizia nel Pdl ma ora che si trova dinanzi ad uno scandalo gravissimo si nasconde e non agisce. I partiti devono reagire ed acquisire gli anticorpi per emarginare le parti peggiori della società. E’ la reazione che fa la differenza: l’apatia della classe dirigente del Pdl e’ un pessimo esempio per la credibilità e la dignità della politica" aggiunge Amendola.

"Nicola Cosentino e’ azionista di maggioranza della Regione Campania e socio di Cesaro a Palazzo Matteotti. E’ sconvolgente che un politico accusato dai magistrati di reati gravissimi continui indisturbato a gestire ed influenzare le istituzioni", conclude Amendola.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©