Politica / Regione

Commenta Stampa

Campania, arrestato consigliere regionale Ianniciello

L'accusa è di truffa aggravata

Campania, arrestato consigliere regionale Ianniciello
20/12/2012, 08:33

NAPOLI - Risvolti nell’inchiesta sui rimborsi ai gruppi in consiglio regionale della Campania. Il gip del tribunale di Napoli ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Massimo Ianniciello, consigliere regionale del Pdl. L’accusa è di truffa aggravata per rimborsi per 64mila euro, ottenute con fatture “false”. L’inchiesta è iniziata qualche mese fa, quando le forze dell’ordine hanno iniziato una serie di perquisizioni nelle sedi del consiglio regionale, acquisendo documentazione relativa a rimborsi e spese dei gruppi. Al consigliere  Ianniciello è stato notificato anche un decreto di sequestro per equivalente che riguarda la sua abitazione per 63.800 euro. 

AGGIORNAMENTO ORE 10.00

In particolare Ianniciello avrebbe  chiesto e ottenuto il rimborso di fatture emesse dalla società General Trade International, formalmente con sede a Bacoli (Napoli) e attiva nel settore del commercio di rottami. Gli investigatori hanno scoperto che si tratta di una società fantasma, il cui formale institore, un pluripregiudicato, ha dichiarato di avere ceduto ad altri i propri documenti in cambio di una modesta somma di denaro. Le fatture intestate a Ianniciello hanno come oggetto "produzione di pubblicazione informativa" e "realizzazione di pubblicazione periodica".

 

 

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©