Politica / Regione

Commenta Stampa

Istituti e centri di ricerca uniti per il futuro

Campania BioRegion verso lo sviluppo


.

Campania BioRegion verso lo sviluppo
23/09/2010, 13:09

Si è svolta presso la sala del consiglio della Camera di Commercio di Napoli una tavola rotonda sul tema "Verso Campania BioRegion".
Si è trattato di un  confronto tra le diverse esperienze tecnico-scientifiche, applicate al settore delle biotecnologie, alla presenza di rappresentanti delle realtà BioRegion più significative in Italia, come Toscana e Piemonte, oltre a rappresentanti delle istituzioni locali.  
La rete europea BioRegions nasce per integrare le filiere biotech dei paesi UE, in un unico cluster di eccellenze.
Le biotecnologie rappresentano un'area di eccellenza del sistema produttivo campano, grazie a numeri significativi:, così come ha poi ricordato lo stesso assessore  Guido Trombetti, presente alla tavola dei relatori.

Sono  71 le imprese del comparto, 3 i Parchi Scientifici,  4 le Università , 4 i Centri Regionali di Competenza , 5 i  Centri di Ricerca Pubblici/Privati , 1000 Risorse umane impiegate. E’ stato presentato nella stessa occasione il programma Campania BioRegion, promosso dalla Cabina di Regia Ricerca &  Innovazione di Confindustria Campania, coordinata da Luigi Iavarone, e partecipata dai centri di ricerca operanti in Campania, sul tema delle biotecnologie.
Hanno preso parte ai lavori  Leonardo Vingiani (direttore Assobiotec); Francesco Senatore (business development manager Fondazione Toscana Life Sciences); Fabrizio Conicella (general manager Bioindustry Park "Silvano Fumero" - Piemonte Innovation  Cluster bioPmed); Manuel Vega (project manager Genopole); Gennaro Marino (Accademia Nazionale dei Lincei); Roberto Di  Lauro presidente Stazione Zoologica Anton Dohrn).

“Il settore delle biotecnologie in Campania è ricco di competenze eccellenti. L’iniziativa Campania BioRegion può avere un ruolo importante nel trasformare il problema in opportunità, presentando- spiega l’assessore Trombetti un catalogo di competenze biotecnologiche e la loro distribuzione tra le varie strutture di ricerca”.
Campania Bio-Region si candida ad accogliere le istanze poste dal tessuto produttivo per la risoluzione di problemi ed il rilancio di iniziative imprenditoriali che sappiano adeguatamente raccogliere e sfide della competizione internazionale, in settori ad alto livello di specializzazione tecnologica.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©