Politica / Politica

Commenta Stampa

Campania, Femiano (Ugl):"Per il rilancio del Sud servono forze concrete"


Campania, Femiano (Ugl):'Per il rilancio del Sud servono forze concrete'
25/10/2011, 12:10

“Ricordiamo al Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, che anche l’Ugl è un’organizzazione sindacale riconosciuta a livello nazionale, firmataria dell’accordo interconfederale del 28 giugno e recepita dalla finanziaria 2011 come sindacato rappresentativo insieme a Cgil, Cisl e Uil. Per questo motivo, riteniamo che la nostra esclusione dal vertice di oggi, ostacoli, e non poco, l’unità di cui ha bisogno questa regione per superare le innumerevoli emergenze croniche ed endemiche che la caratterizzano. Per quanto ci riguarda continueremo a dare il nostro contributo al territorio e, soprattutto ai lavoratori che, mai come in questo periodo, hanno bisogno di forza e, soprattutto di unità di azioni”.

Lo dichiara il segretario confederale Ugl, Vincenzo Femiano, in merito all’esclusione dell’Ugl dalla sottoscrizione del 'Contratto Campania', documento stipulato da Regione, Confindustria e parti sociali.

“E’ inopportuno, dividere il mondo associativo proprio nel momento in cui le forze socio – economiche stanno producendo un grande sforzo di sintesi sulle azioni da mettere in campo nel più breve tempo possibile per favorire le uscite dalle croniche inefficienze della Regione Campania”.

“Chi rappresenta un’istituzione, come l’on. Caldoro, deve lavorare per unire le forze e avere il coraggio di confrontarsi con tutti sui temi che hanno messo in ginocchio il nostro territorio”.

“L’Ugl ha sempre dimostrato di essere vicina alle esigenze e alle difficoltà del Mezzogiorno e continuerà a farlo. Prova tangibile di questo, la presenza costante sul territorio del segretario generale dell’Ugl, Giovanni Centrella che – conclude – segue da vicino le vertenze più critiche e delicate che hanno paralizzato il sistema economico della realtà campana”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati