Politica / Regione

Commenta Stampa

Se si votasse oggi, il centro-destra avrebbe la meglio

Campania: Il Pdl vincerebbe le Regionali anche senza l'Udc


Campania: Il Pdl vincerebbe le Regionali anche senza l'Udc
12/09/2009, 09:09

A seguito di una ricerca effettuata su un campione di 800 intervistati, il blogger e giornalista Luigi Crespi, non ha alcun dubbio: se si votasse oggi, In Campania, il centro-destra stravincerebbe con il 45% delle preferenze e staccherebbe il Pd di oltre 22 punti. Inutili, dunque, anche le alleanze tout court (e realisticamente poco realizzabili) con l'Idv (9%), sinistra e libertà (3%) e Prc-Pdci (2,5).
Persino una fusione con la corteggiatissima Udc (che ha circa l'8% di preferenze) non basterebbe a ribaltare il risultato ai danni di una sinistra moderata che, a quanto pare, gode di un appeal sempre più basso.
Eliminando quell'8% dell'unione centrista, quindi, la sconfitta sarebbe schiacciante e, per mitigarla, non servirebbero nemmeno le liste fuori schieramenti di Pannella-Bonino (1,3%), Mpa (2,4%) e Destra (2%).
Interessanti, poi, i dati raccolti su alcuni dei personaggi più rappresentativi della maggioranza e dell'opposizione. A vincere in termini  di preferenze è Italo Bocchino che è conosciuto da 76 Campani su 100 e sarebbe oggi votato d 57 di loro. Di maggiore notorietà gode invece il Ministro alle pari opportunità Mara Carfagna (con un 80% secco) che però avrebbe qualche consenso in meno (54 voti su 100 assicurati). Quasi identicamente positivi i risultati raccolti per Stefano Caldoro, Nicola Cosentino e Gianni Lettieri. Tutti e tre si attestano intorno ad un 18% di voti.
Nel centro-sinistra, invece, sempre secondo i risultati presentati da "Crespi ricerche", l'unico nome che non arranca troppo rispetto alla coalizione rivale è quello del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca il quale, con circa la metà dei voti potenzialmente assicurati, potrebbe giocarsi fino all fine il posto di governatore.
Strano, ma prevedibillissimo, il caso di Antonio Bassolino: lo conoscono 95 Campani su 100 ma, di questi, solo 25 si sono detti disponibili a riconfermarlo.
In ultmo, Crespi accenna all'ottima popolarità della Presidente del Consiglio Regionale e moglie dell'ex guardasigilli Clemente Mastella Sandra Lonardo.
Senza speranze di riuscita, apparirebbero poi altri tre candidati del Pd: Luigi Nicolais, Ennio Cascetta e Andrea Cozzolino.
Un risultato che, stando al corposo campione di elettori esaminato, parrebbe già scontato per una destra oramai sempre più radicata sul territorio Campano e una sinistra sempre più malvoluta e incapace di reagire.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©