Politica / Parlamento

Commenta Stampa

CAMPANIA: L'UDEUR SI COMPATTA E DELINEA LE STRATEGIE PER IL FUTURO


CAMPANIA: L'UDEUR SI COMPATTA E DELINEA LE STRATEGIE PER IL FUTURO
20/03/2008, 12:03

Circa trecento tra dirigenti e rappresentanti istituzionali di Napoli e provincia aderenti all’Udeur si sono riuniti ieri all’hotel S.Lucia per ribadire “la ferma volontà di riprendere con maggiore forza le attività politiche sulla base della regionalizzazione del partito, per la difesa dei principi e dei valori di cui sono portatori i cattolici democratici e per la salvaguardia del Mezzogiorno dimenticato nei programmi sia del Pd che del Pdl”. L’incontro, aperto dagli interventi dei commissari provinciali Pietro Funaro e Cristiana Fevola, ed a cui hanno partecipato, tra gli altri, gli assessori provinciale Maria Falbo e comunale Donata Rizzo, il capogruppo al comune di Napoli Nino Funaro, si è concluso, dopo i numerosi contributi dei partecipanti, con l’intervento del segretario regionale del partito Antonio Fantini. All’unanimità è stata sottolineato  l’impegno a continuare l’azione politica dei Popolari Udeur concentrando ogni sforzo verso le problematiche politiche, economiche e sociali della Campania e del Mezzogiorno. Ribadita la presenza delle liste del partito nei prossimi appuntamenti elettorali sia alle europee che alle provinciali nonché a livello regionale. Intanto è numerosa la presenza dei candidati Udeur  nei Comuni della provincia anche in questa tornata elettorale.

Per quanto attiene alle elezioni politiche attuali, Antonio Fantini, dopo aver rilevato che “perseguendo un disegno egemonico Pd e Pdl hanno di fatto eliminato le forze politiche cosiddette minori dalla competizione ed in particolare i democristiani ed i socialisti”, pur rilevando che sul piano storico e dei programmi “non abbiamo quasi nessuna convergenza con i socialisti credo che dovremo, in questa occasione, sostenerli anche perché fra l’altro hanno avuto il garbo di invitarci a capeggiare la loro lista in Campania”.
 
Commenta Stampa
di Giancarlo Borriello
Riproduzione riservata ©