Politica / Regione

Commenta Stampa

Campania: Russo, tocca a istituzione e politica decidere


Campania: Russo, tocca a istituzione e politica decidere
06/10/2010, 15:10


NAPOLI - "Ho letto l'intervista di Lilli De Felice sul Corriere del Mezzogiorno di oggi e devo dire che le sue parole mi hanno confortato, specie quando riferite alla cattiva gestione degli ultimi anni e alla logica perversa che ha regnato nelle politiche sociali della Campania, ridotte a mero strumento di clientelismo e pervase dalla zavorra dell'assistenzialismo". Ermanno Russo, assessore regionale alle Politiche sociali, commenta così l'intervista dell'ex componente della giunta regionale e giuslavorista De Felice. "I concetti esplicitati dal mio predecessore in Giunta - spiega l'esponente del Pdl - non fanno una grinza. Approvo in pieno i passaggi sulla captazione del consenso, sulle tecniche curative post factum, sui politici che in questi anni hanno alimentato i bacini di povertà e di malcontento nella speranza di poterli trasformare, cosa che in parte è accaduta, in consenso. Del resto, la discussione prende le mosse da un recente e, a parer mio tanto legittimo quanto puntuale, studio di sociologia della Federico II, che mette a nudo vizi e pessime abitudine degli ultimi anni in fatto di welfare. Apprezzo dunque l'apertura mentale del giuslavorista stimato e di prestigio, così come la critica di chi ha avuto modo di gestire i servizi alla persona e le politiche sociali da Palazzo Santa Lucia. Ho da eccepire soltanto su un punto: la partita non è in capo al solo presidente della Giunta regionale o al singolo assessore. Il reddito di cittadinanza è una legge del Consiglio regionale, la discussione deve necessariamente riguardare l'intera istituzione campana e, soprattutto, la politica". Di qui Russo aggiunge "della De Felice condivido analisi e diagnosi, ma non l'individuazione del percorso per riformare il welfare regionale. La soluzione non spetta al singolo amministratore. Nessuno si può tirare fuori e restare alla finestra". Quindi il componente della giunta Caldoro conclude: "Desidero portare a conoscenza dei cittadini campani una recente sentenza del Consiglio di Stato, probabilmente non ancora di dominio pubblico, che interviene proprio sulle modalità con le quali si é ridotto l'intervento a 18mila famiglie delle 100mila e passa ritenute potenzialmente beneficiare del trattamento".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©