Politica / Parlamento

Commenta Stampa

CAMPANIA: SUI FONDI UE L'IDV STEMPERA LE POLEMICHE


CAMPANIA: SUI FONDI UE L'IDV STEMPERA LE POLEMICHE
26/07/2008, 14:07

 

«La delibera approvata in Giunta regionale in materia di Fondi comunitari, mai come in questa occasione è conseguenza del lavoro svolto dalla Commissione che ho l'onore di presiedere. Un lavoro che
ha visto la piena disponibilità e condivisione dell'assessore al Bilancio, il prof. Mariano D'Antonio». Questo il commento del consigliere regionale di Idv e presidente della Commissione Bilancio della Regione Campania, Nicola Marrazzo, alla luce delle recenti polemiche di cui parte del centrodestra si è fatta protagonista.
«La immediata fruibilità di una risorsa di un miliardo di euro  – aggiunge Nicola Marrazzo – rappresenta, senza ombra di dubbio, una buona dose di acqua in un terreno per troppo lungo tempo, arido. D'altre parte – aggiunge ancora il presidente della Commissione Bilancio – se non si immette nuova benzina in un motore fermo da tempo, difficilmente il cammino della macchina regionale verso il rilancio dello sviluppo socio-economico della comunità campana può
essere ripreso». «La delibera in questione è sicuramente uno degli atti più significativi che il governo regionale abbia prodotto in questi ultimi tempi, anche alla luce della procedura adottata sia di condivisione consiliare che sul piano della mera trasparenza. Utilizzando, tra l'altro, un parco progetti precedentemente prodotto, azione ancora più
meritoria perché figlia anche di un prestito di un miliardo di euro ottenuto grazie al lavoro del prof. Mariano D'Antonio ed alla credibilità della Regione Campania. Ecco perché ci saremmo aspettati una diversa e certamente più benevola accoglienza da parte di un centrodestra che su temi così importanti non dovrebbe far mancare il proprio supporto. Il tempo per una programmazione per obiettivi è senz'altro vicino, ma è prioritario, in questo momento, riprendere un
cammino virtuoso».
Commenta Stampa
di Giancarlo Borriello
Riproduzione riservata ©