Politica / Parlamento

Commenta Stampa

CAMPANIA,FANTINI,UDEUR”NONOSTANTE LO SFASCIO SI CONTINUA A FARE CLIENTELA”


CAMPANIA,FANTINI,UDEUR”NONOSTANTE LO SFASCIO SI CONTINUA A FARE CLIENTELA”
17/01/2009, 13:01

 

E’ sconcertante che mentre viviamo in una condizione di sfascio politico complessivo dovuto anche agli scandali che hanno riguardato Napoli, a livello regionale si continui in una gestione clientelare della cosa pubblica come se nulla fosse accaduto”: lo afferma il segretario regionale dei Popolari Udeur Antonio Fantini.
Nuove nomine alla Sanità, investimenti macroscopici nell’industria e nelle attività produttive di cui si apprende solo dai giornali, nei trasporti si va avanti da anni senza bandire gare ma affidando lavori per centinaia di milioni di euro e chi più ne ha più ne metta. Siamo davvero alla torre di Babele di cui qualcuno approfitta per fare i propri comodi in lungo e in largo. Il tutto in una condizione politica di totale confusione ed assoluta mancanza di un progetto e di una programmazione seria e tendente a risollevare la Campania. Davvero non è più possibile andare avanti in questo modo” sottolinea l’exgovernatore Fantini.
Nel contempo apprendiamo dalla stampa che Bassolino incontra Veltroni e D’Alema per decidere il futuro politico della Regione alla faccia dell’intera coalizione che, secondo loro, dovrebbe restare alla finestra in attesa di decisioni calate dall’alto. Siamo di fronte ad un’arroganza  che farebbe tremare i polsi anche ad un dittatore sudafricano” sostiene il segretario regionale del Campanile.
Il Pd può decidere cosa deve accadere in casa sua ma non assumere opzioni anche per gli altri partiti della maggioranza. Ora basta si sono superati tutti i limiti della sopportazione” rileva Fantini.
“Il destino politico della Campania - conclude l’esponente del Campanile- non lo decideranno i vertici del Pd magari inciuciando con il Pdl ma tutte le forze politiche in campo che non resteranno alla finestra in attesa di un festino deciso da pochi intimi”.
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©