Politica / Politica

Commenta Stampa

Cancellieri: “Le nostre carceri non degne di un paese civile”


Cancellieri: “Le nostre carceri non degne di un paese civile”
23/05/2013, 18:22

"Le nostre carceri non sono degne di un paese civile e della nazione di Cesare Beccaria". Lo ha detto il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, durante le celebrazioni per il 21esimo anniversario della strage di Capaci. Secondo il Guardasigilli " per risolvere il problema non bastano nuove carceri, ma bisogna ripensare il sistema delle pene, valutando se ci sono spazi per quelle alternative, pensando che l’obbiettivo è certo far si che si paghino gli errori, ma al contempo che i reclusi ne escano migliori ". Resta il problema delle carceri vecchie: “ vanno sostituite per garantire a ciascun detenuto una possibilità decente di alloggio, di sanità e di spazi per poter lavorare. E' un'impresa titanica, ma ce la metteremo tutta per riuscirci ”. E ha continuato: “ Chi è in carcere deve avere la possibilità lavorare o studiare. E' dimostrato che l'80 percento di chi lo fa non ha recidive ”. Problema annoso quello del sistema degli istituti di pena in Italia, che a gennaio ha gia fruttato al nostro paese una condanna dalla Corte europea dei diritti umani.

 

 

 

 

Commenta Stampa
di Christian Gemei
Riproduzione riservata ©