Politica / Regione

Commenta Stampa

Sagliocco (FI): "Bene governo e commissione"

Canoni Demanio Marittimo, Campania non resti immobile


Canoni Demanio Marittimo, Campania non resti immobile
31/03/2009, 14:03

Il Presidente della Commissione Consiliare Speciale di Controllo  delle Attività della Regione e degli Enti Collegati e dell’Utilizzo dei Fondi, Giuseppe Sagliocco, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Lo stop all’aumento dei canoni demaniali voluto dal Governo Berlusconi, il rinvio al 30 settembre del pagamento degli stessi, ma anche e soprattutto l’ottimo lavoro istruttorio svolto in Commissioni riunite Finanze e Attività Produttive dal relatore Marco Milanese, che in linea con una battaglia che portiamo avanti da tempo, apre ad una svolta sulla necessaria e più ampia articolazione delle aree demaniali destinate alla balneazione, costituiscono tre ottime notizie.

Vale la pena ricordare che la differenziazione dei canoni in ragione della qualità delle singole strutture turistiche, ma anche della loro condizione geografica, ambientale e socio-economica, fu una necessità condivisa già a dicembre 2007 dal coordinamento interregionale tecnico in materia di Demanio Marittimo che chiese infruttuosamente al Governo Prodi la costituzione di uno specifico Tavolo tecnico. Una questione che, trattandosi di materia concorrente, avrebbe dovuto vedere le Regioni in prima linea, ed in particolare quelle con ampia costa balenabile come la Campania, ma che ha visto in questi due anni una sostanziale inerzia del governo regionale del centrosinistra campano. Il tutto, peraltro, su di una materia che pure vide sottoscrivere a novembre 2008, un protocollo di intesa tra Stato e Regioni un Protocollo di Intesa che riclassificando in tre fasce le aree demaniali marittime rendeva giustizia a territori come ad esempio quello di Castelvolturno o Mondragone che ancora oggi si vede imporre canoni analoghi a quelli di Capri o Sorrento. Ora, dunque, grazie alle nostre sollecitazioni e alla sensibilità politica dei parlamentari e del governo di centrodestra, ci si avvia ad una soluzione ragionevole di una vicenda che per moltissime realtà riveste una importanza vitale.

Sono certo che venerdì prossimo, in occasione del Convegno organizzato da Assobalneari e Federturismo alla Mostra d’Oltremare, gli assessori Velardi e Ganapini, alla luce delle ultime novità, sapranno assumersi gli impegni del caso e annunciare una imminente costituzione del Tavolo tecnico regionale che dovrà ridisegnare in Campania un’adeguatamente articolata mappa dei siti turistico-balneari che sappia tenere conto delle singole realtà territoriali”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©