Politica / Regione

Commenta Stampa

Capodanno: "Napoli: No a “manifesto selvaggio”!"


Capodanno: 'Napoli: No a “manifesto selvaggio”!'
20/04/2011, 16:04

Un allarme contro la piaga di “ manifesto selvaggio “ in campagna elettorale viene lanciato a Napoli da Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari. “ La campagna elettorale è appena entrata nel vivo ed il capoluogo partenopeo è già invaso da manifesti di ogni tipo, forma, colore e dimensione, posti al di fuori degli spazi consentiti, che invitano a votare i candidati – denuncia Capodanno – A farne le spese non sono solo i tabelloni comunali per la pubblicità, ma anche le strutture pubbliche e private, come le facciate dei fabbricati. “.

“ Particolarmente colpito il quartiere collinare del Vomero, inondato dai manifesti abusivi – continua Capodanno -. Tappezzate anche le campane per la raccolta differenziata trasformate di fatto in tabelloni elettorali “.

“ Il tutto naturalmente agevolato dalla carenza dei necessari controlli con la contestuale defissone dei manifesti abusivi, ponendo spese e sanzioni a carico dei trasgressori nel rispetto delle vigenti normative – prosegue Capodanno -. Ci auguriamo che venga potenziato subito il servizio comunale per la defissione dei manifesti abusivi per evitare che il quartiere Vomero, come altre zone della Città, venga completamente “incartato” quando si arriverà agli ultimi giorni di campagna elettorale “.

Intanto Capodanno ha fondato su Facebook un gruppo per segnalare coloro che imbrattano con i manifesti abusivi la Città, istituendo un apposito premio per gli imbrattatori, il “Premio monnezza 2011” consistente di un sacchetto di maleodoranti rifiuti da portare a casa e da tenere conservato a memoria imperitura, proprio come un trofeo, per ricordare di non imbrattare e sporcare le strade cittadine ed i manufatti che in esse si trovano. Al sito http://www.facebook.com/group.php?gid=89255254812 è possibile anche trovare un modello di segnalazione da compilare ed inoltrare alle autorità competenti, allegando le fotografie dell’abuso denunciato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©