Politica / Politica

Commenta Stampa

Carceri. Caputo e Abbate (Pd): Verificheremo da vicino stato assistenza sanitaria negli istituti penitenziari

Salute è diritto costituzionale

Carceri. Caputo e Abbate (Pd): Verificheremo da vicino stato assistenza sanitaria negli istituti penitenziari
11/09/2013, 16:20

“Visiteremo con la Commissione regionale Trasparenza alcune case circondariali per verificarne da vicino lo stato dell’assistenza sanitaria. Chiederò che questa ricognizione sia affiancata dai dirigenti del Dipartimento della Salute della Regione”.
Lo hanno  dichiarato Nicola Caputo Consigliere regionale del Pd e Presidente della Commissione Trasparenza e Giulia Abbate Consigliere regionale del Pd e vicepresidente della Commissione Trasparenza a margine dell’audizione sullo stato della sanità penitenziaria. Audizione a cui hanno preso parte Costantino Verrone, Camillo De Lucia, Silvana Cella, Pietro Del Vecchio, il Consigliere regionale e vicepresidente della Commissione Giulia Abbate e Aurelio Buchet e Vittorio Borrelli per l'assessorato alla Sanità.
“Occorre verificare consistenza e qualità dei livelli essenziali assistenziali  della case circondariali. Temiamo che le carenze che già erano presenti siano state accentuate dai provvedimenti di riassetto del personale presi nel 2011”.
“Il riordino della medicina penitenziaria, contempla il principio fondamentale della parità di trattamento in tema di assistenza sanitaria dei cittadini liberi e degli individui detenuti ed internati”.
“All’interno delle strutture penitenziarie invece, si continua ad offrire un servizio sanitario insoddisfacente, con tempi lunghissimi per le visite specialistiche, carenza di personale e l’assenza di un rapporto di continuità assistenziale tra i sanitari e i detenuti”.
“Quello alla salute  è un diritto costituzionalmente garantito, anche ai detenuti. L’obiettivo della visita che effettueremo nelle prossime settimane è quello di verificare la situazione di persona e chiedere ai soggetti preposti di dare risposte celeri e risolutive”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©