Politica / Politica

Commenta Stampa

Carceri, Vaccaro (PD): "il governo intervenga subito"


Carceri, Vaccaro (PD): 'il governo intervenga subito'
04/01/2012, 17:01

«Quando ho visitato il carcere di Poggioreale, lo scorso 25 dicembre, sono rimasto allibito dalle condizioni in cui vivono i detenuti», dichiara Guglielmo Vaccaro, deputato del Pd. «Oltre all’incredibile sovraffollamento, comune purtroppo alla stragrande maggioranza di tutti gli istituti di detenzione italiani, mi ha colpito l’ingiustificabile mancanza di impianti di riscaldamento, che costringe carcerati e poliziotti a bardarsi con cappotti e ammassarsi attorno a stufe di fortuna. So che il Ministro della Giustizia, che recentemente ha visitato Poggioreale, ha a cuore il problema delle condizioni di vita dei detenuti. Ho, dunque, presentato insieme ad Andrea Orlando, Responsabile Giustizia del Partito Democratico, un’interrogazione parlamentare proprio per far sì che l’attenzione e il risalto mediatico nati recentemente attorno al problema delle carceri non vengano dispersi ma possano essere finalizzati all’attuazione di misure concrete. Misure strutturali – la costruzione di nuovi istituti di detenzione e la riorganizzazione di quelli già esistenti – ma anche misure più contingenti e particolari, come la realizzazione di una caldaia che permetta ai detenuti di Poggioreale una qualità della vita accettabile. Ritengo sia un dovere del Parlamento e del Governo intervenire al più presto per modificare drasticamente la situazione riportandola all’osservanza delle leggi di un Paese civile e democratico, quale è l’Italia. Quello che ho visto, infatti, non solo non soddisfa il dettato della nostra Costituzione ma rinnega totalmente la prescrizione dell’articolo 27, il quale inquadra la pena detentiva all’interno di una funzione rieducativa del condannato. Non può esistere educazione, né riconciliazione con la società, quando si è costretti a condizioni di vita che stimolano l’insofferenza verso il prossimo e il risentimento verso le istituzioni»

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©