Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Sull'onda delle notizie provenienti dalla Francia

Carfagna: "Anche in Italia divieto di burqa"


Carfagna: 'Anche in Italia divieto di burqa'
27/01/2010, 12:01

ROMA - Appare quasi comica l'idea di un Ministro delle Pari Opportunità che spinge e sostiene leggi razziste. Ma purtroppo è il Ministro che abbiamo, cioè l'ex soubrette Mara Carfagna. Che, interpretando a modo suo le notizie provenienti ieri dalla Francia, propone una legge che vieti il burqa alle donne musulmane sul territorio italiano. L'idea sarebbe di inserire un emendamento nella legge sulla cittadinanza italiana che scavalchi ed annulli alcune sentenze della Corte di Cassazione. Infatti, esiste una legge in Italia, fatta durante il terrorismo, che vieta di andare in giro col volto coperto "senza giustificato motivo". Ovviamente era una legge per impedire ai rapinatori di banche (il terrorismo spesso di finanziava così) o agli assassini di camminare con passamontagna o caschi da motocisclista integrali per un lungo tratto. Ma quando in alcuni comuni del Nord Italia i sindaci della Lega hanno dato a Polizia e Carabinieri l'ordine di arrestare le donne che indossavano il burqa, contestando lo stesso motivo, la Corte di Cassazione ha deciso che la libertà religiosa (o almeno quella che viene ritenuta tale, anche se il burqa non ha niente a che fare col Corano, ndr) fosse un "giustificato motivo", e quindi ha annullato tutto.
E ovviamente, come sempre in questo governo, quando c'è una idea razzista che va contro le leggi e i principi della Costituzione, come si reagisce? Cambiando le leggi, in modo da aggirare le pronunce della magistratura. Anche se questo va contro gli interessi delle donne che si dice di voler aiutare. Se una donna indossa il burqa di solito lo fa perchè gliel'hanno inculcato sin da bambina. Se deve uscire senza per forza, preferirà restare murata in casa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©