Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La parlamentare parla di linea dura per tutelare i minori

Carlucci: multe e canali oscurati per chi fa cattiva tv


Carlucci: multe e canali oscurati per chi fa cattiva tv
18/11/2009, 17:11

ROMA - Gabriella Carlucci torna, e continua a stupire. Sempre in politica, s’intende. Questa volta, parlando in veste di vicepresidente della Commissione parlamentare per l’Infanzia e l’adolescenza, inneggia alla linea dura (anzi, durissima) contro la cosiddetta tv spazzatura. E così la sua proposta prevede multe salate e persino oscuramento per i canali televisivi che propongono “messaggi e immagini fuorvianti per la formazione dei giovani”. Dalla Conferenza nazionale sull’infanzia e l’adolescenza, la Carlucci ha spiegato che, con la proliferazione dei canali, “i giovani possono accedere a una grande quantità di immagini violente o che riproducono una visione della realtà incentrata su rapporti molto superficiali”. Oltre alle leggi, però, ha continuato la Carlucci parlando della proposta di legge attualmente allo studio, c’è bisogno di una autoregolamentazione degli addetti ai lavori.
Ancora una volta, c’è una proposta sicuramente dettata da buone intenzioni (delle quali è lastricata la strada per l’inferno), ma che potrebbe diventare un’arma molto potente nelle mani di un ipotetico censore. Escludendo la possibilità che le televisioni comincino a mandare in onda soltanto sit com da educande e documentari, la domanda che ci si pone è: su quali criteri si baseranno le valutazioni per decidere se e quanto un programma è diseducativo?

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©