Politica / Politica

Commenta Stampa

Forti proteste di Lega e Fratelli d'Italia

Carola Rackete all'Europarlamento: "Dove eravate quando c'era bisogno di aiuto?"


Carola Rackete all'Europarlamento: 'Dove eravate quando c'era bisogno di aiuto?'
03/10/2019, 16:36

BRUXELLES (BELGIO) - Audizione oggi per Carola Rackete, la comandante della Sea Watch3, con cui ha portato a Lampedusa 53 migranti che stavano annegando nel Mediterraneo. Una audizione in cui la donna ha dimostrato di non avere peli sulla lingua. Dove eravate - ha chiesto la Rackete ai rappresentanti di tutti i Paesi europei - mentre 53 persone erano in difficoltà in mezzo al mare? Nessuno di voi ha mosso un dito - è stato il suo duro j'accuse - e anzi tutti i Paesi europei li hanno respinti. Ha poi spiegato che la sua decisione di forzare il blocco e di entrare in porto a Lampedusa è stata una esigenza, dopo due settimane che le sue richieste di un porto dove sbarcare avevano ricevuto la sola risposta positiva di Tripoli, un porto che non offriva nessuna sicurezza e che quindi non si poteva prendere in considerazione, secondo il diritto internazionale. Ha poi chiesto di cambiare il regolamento di Dublino, perchè le navi delle Ong non possono aspettare in mezzo al mare mentre i Paesi europei contrattano come dividersi i migranti. 

Il suo intervento ha avuto molti applausi, ma non quelli della Lega, come dimostrano le parole di Salvini: "Non mi sognerei mai di applaudire una comandante che, dopo aver aspettato deliberatamente 15 giorni al largo di Lampedusa per scaricare a tutti i costi degli immigrati in Italia, ha addirittura speronato una motovedetta della Guardia di Finanza mettendo a rischio la vita delle donne e degli uomini in divisa". Il fatto che siano stati i finanzieri a violare tutte le norme della navigazione navale e anche quelle del buonsenso, rischiando di far cappottare la Sea Watch3, a Salvini non è venuto in mente. E poi ha rispolverato una bufala del Giornale di qualche giorno fa: "Nessuno ha ancora smentito la notizia dei tre presunti torturatori di immigrati caricati da Carola e scaricati nel nostro Paese, cioè in quell'Europa dove qualcuno batte le mani alle ong". Peccato che nessuno l'abbia neanche dimostrato. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©