Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Appello di Napolitano affinche' cessino gli attacchi a Fini

Casa AN: Napolitano inascoltato, è guerra


Casa AN: Napolitano inascoltato, è guerra
13/08/2010, 13:08

ROMA - Inascoltato. L'appello di Giorgio Napolitano perche' cessino gli attacchi al Presidente della Camera non ha sortito l'effetto sperato anzi lo scontro sul caso della 'famigerata' casa di Montecarlo sta toccando il punto piu' aspro. All'affondo de 'il Giornale' che a tutta pagina accusa Fini di mentire e' arrivata prima la smentita del portavoce della terza carica dello Stato che accusa il quotidiano "delirio diffamatorio". Quindi la controreplica del giornale di Feltri che conferma e rilancia le accuse.
"Ho sempre ritenuto che nessun contrasto politico debba investire impropriamente la vita delle istituzioni - afferma Napolitano dalle colonne dell'Unita' - percio' e' ora che cessi una campagna gravemente destabilizzante sul piano istituzionale qual e' quella volta a delegittimare il presidente di un ramo del Parlamento e la stessa funzione essenziale che egli e' chiamato ad assolvere per la continuita' dell'attivita' legislativa". Ma in edicola, c'era anche 'il Giornale' che in prima titolava: "La prova: Fini mente". L'editoriale del direttore e gli articoli sul caso di Montecarlo danno corso all'attacco piu' violento dall'inizio dello scandalo o presunto tale. Nella ricostruzione si afferma che Fini insieme ad Elisabetta Tulliani, ha arredato la casa acquistando i mobili in un negozio romano. Nell'articolo si citano due fonti anonime che raccontano delle visite della compagna del presidente e dello stesso presidente al negozio.
"Quanto pubblicato da Il Giornale e' l'ennesima dimostrazione di un delirio diffamatorio che ha portato Feltri ad abdicare ai doveri minimi del giornalista - dichiara Fabrizio Alfano, portavoce del presidente della Camera - Pur di denigrare il presidente Fini, Feltri propone ricostruzioni fantasiose basate su improbabili racconti di personaggi che si celano dietro l'anonimato: in questo modo la calunnia diventa notizia, e la realta' un dettaglio trascurabile. Il tribunale accertera' la grave diffamazione, e il Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti la violazione delle regole deontologiche".
Il quotidiano conferma e rilancia: sull'edizione di domani pubblichera' fatture, contratti e nome e cognome dei testimoni.
Intanto Niccolo' Ghedini, avvocato del premier, in una nota afferma che l'articolo su 'l'Unita'', in relazione all'acquisto della casa di Arcore da parte di Berlusconi, e' "palesemente diffamatorio ". "Le dichiarazioni di Beatrice Rangoni Machiavelli, le cui posizioni di aspro contrasto politico nei confronti del centrodestra e in particolare del Premier sono ben note, sono destituite di ogni fondamento. Il prezzo pagato per l'immobile - prosegue Ghedini - e' stato esattamente quello prefissato e richiesto dalla proprieta'.
L'esecutore testamentario era l'avvocato Giorgio Bergamasco. L'avvocato Cesare Previti non ha avuto ruolo nella vicenda" .

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©